Home Cultura

La strana vita di un sommelier d’acqua

È uno dei beni che consumiamo di più ma che erroneamente crediamo sempre uguale. Per il secondo episodio di "Weirdo, il cacciatore di stranezze" scopriamo la vita di un idrosommelier

Potrà sembrare strano, ma il sommelier dell’acqua è un mestiere sempre più richiesto. Pensateci: in fondo è il bene di prima necessità che consumiamo di più, ma che tutti danno sempre per scontato. Come se ce ne fosse un solo tipo e un solo sapore.

Ce lo racconta Martin Riese, che è forse l’idrosommelier più famoso e premiato, nel secondo episodio di Weirdo, il cacciatore di stranezze. Intervistato dal nostro collaboratore Riccardo Ferraris, il sommelier dell’acqua ci apre le porte di un mondo sconosciuto che però abbiamo in bocca tutti i giorni. Perché non si può vivere di solo vino. O forse sì.

Leggi anche