Home Cultura Interviste Cultura

Stephen King: «Molti libri hanno previsto Trump. Ora l’incubo è qui»

Il Re racconta perché il successo del nuovo 'It' ha alimentato la sua voglia di scrivere, il suo primo concerto dei Rolling Stones e 'The Institute', il suo nuovo romanzo ispirato al trattamento disumano dei migranti bambini

Stephen King

Foto: Krista Schlueter/The New York Times/Redux

Quando Stephen King ha iniziato a scrivere il suo ultimo romanzo, Donald Trump era ancora lontano dalla vittoria che lo fece diventare presidente. Ma The Institute – il racconto della storia di un ragazzino di 12 anni allontanato dalla sua famiglia e rinchiuso in un luogo misterioso – ricorderà a molti lettori le politiche presidenziali sull’immigrazione. «Non riesco a non fare un collegamento tra quello che succede in The Institute e le foto di quei bambini nelle gabbie», dice King. «A volte la fiction supera la realtà».

Non è la prima volta che un libro di King prevede il futuro: nel 1979, il suo romanzo La Zona Morta raccontava di come un presidente simil-Trump minacciasse l’apocalisse globale. «La fiction ha anticipato Trump», dice King, «e l’ha sempre descritto come un incubo. Ora l’incubo è qui. Ma non voglio imporre la mia visione politica sulla gente. Non sono George Orwell, e il mio libro non è 1984. Non l’ho scritto come un’allegoria».

King è al telefono dalla sua casa nel Maine, sono passate poche settimane dal suo viaggio a Foxborough, Massachusetts, per vedere il suo primo concerto dei Rolling Stones. («Keith sembrava un po’ insicuro all’inizio, non trovava il tempo giusto, poi si è acceso come un incendio»). Lo scrittore sta ancora sfruttando il nuovo interesse attorno al suo lavoro scatenato da It (la nuova versione del 2017), il film horror con il maggiore incasso della storia del cinema. «Credo che un sacco di ragazzi abbiano visto la miniserie del 1990 con Tim Curry, e magari ne erano terrorizzati», dice. «Ora sono cresciuti, e non vedono l’ora di rivedere quella storia».

Come It, The Institute parla di un gruppo di ragazzini costretti a fare squadra per combattere un male inspiegabile. La differenza, questa volta, è che tutti hanno poteri psichici o telecinetici, e gli adulti a capo del “luogo misterioso” li costringono a sottoporsi a esperimenti medici. «Volevo scrivere un romanzo come Tom Brown’s School Days», dice King citando il classico del 1857 sulla vita in una scuola inglese. «Ma ambientato all’inferno».

Un libro con dei super-ragazzini in guerra con un’organizzazione segreta, però, ricorderà a tutti Stranger Things. Che a sua volta, ovviamente, è ispirata ai libri di Stephen King. «La serie mi piace molto, ma deve più di qualcosa a It», dice lo scrittore. «Anche quello è un libro di bambini che da soli sono deboli e indifesi, ma insieme possono diventare forti».

Molto prima di Stranger Things e It, i ragazzini con i poteri erano già al centro dei primi romanzi di King – Carrie, Shining e L’Incendiaria. «Come un buon lanciatore di baseball che usa sempre lo stesso tiro a effetto, anche gli scrittori tornano a lavorare su quello che gli viene meglio», dice King. «E io sono convinto che i bambini siano magici, in qualche modo. Quando ero più giovane prendevo ispirazione dai miei figli. Adesso sono molto più vecchio e guardo i miei nipoti. Osservo cosa fanno e come interagiscono».

The Institute, inoltre, potrebbe essere il prossimo progetto di King a trovare casa a Hollywood, dove sarebbe in compagnia de L’Ombra dello Scorpione (CBS All Access), The Outsider (HBO) e La storia di Lisey (Apple TV+) – e altri sette film in produzione, di cui King deve approvare tutte le sceneggiature. «Devono funzionare», dice. «Non possono esserci 19 pagine di flashback. Voglio tenere il piede vicino al freno per più tempo possibile».

L’adattamento del sequel di Shining, Dr. Sleep, arriverà al cinema a novembre. Nel film, Ewan McGregor interpreta la versione adulta di Danny Torrance. Nonostante King abbia sempre odiato il film di Kubrick per i numerosi cambiamenti apportati alla storia, ha permesso ai registi di Dr. Sleep di usare alcuni elementi di quella versione. «Il mio problema con quel film è che sembra troppo freddo», dice King. «Non ho avuto nessun problema con la sceneggiatura di Dr. Sleep, perché hanno preso alcune parti del materiale di Kubrick e le hanno scaldate un po’».

Il prossimo romanzo del Re, If It Bleeds, uscirà nel 2020. È il nuovo capitolo della saga dedicata al detective Holly Gibney. «Devo sistemarlo ancora un po’», dice, «ma è praticamente finito». Nel frattempo, King sta già pensando al seguito (ma non è pronto a divulgare i dettagli) e il nuovo interesse verso il suo lavoro lo motiva ad andare avanti. «Ho 71 anni», dice, «la maggior parte delle persone della mia età viene dimenticata, e io ho avuto la fortuna di questa nuova stagione di successo. È molto gratificante».

Ovviamente, ritirarsi è l’ultima cosa a cui vorrebbe pensare. «Questa è una decisione di Dio, non mia», dice. «Ma quando arriverà il momento saprò riconoscerlo. Probabilmente crollerò sulla scrivania, o finiranno le idee – l’unica cosa che so è che non voglio mettermi in imbarazzo da solo. Finché mi sembrerà di fare un buon lavoro, non vedo perché smettere».

Leggi anche