Home Cultura

Il social media manager di Unieuro è impazzito

Nel senso che ha fatto un post e dei commenti con cui ha rotto la quarta parete, rivoluzionato il modo di fare marketing su Facebook e, probabilmente, venduto un sacco di lavatrici

Foto via Unsplash, screenshot via Unieuro

I brand che usano i social in maniera originale – a volte anche troppo – non sono ormai più una novità, complice l’ascesa di Taffo e del suo modo di pubblicizzare bare e funerali riallacciandosi al tema del giorno, o ancora prima il periodo di gloria del social media manager della birra Ceres. C’è poi il caso scuola di Treccani, il cui social media manager è diventato un piccola celebrità in certi angoli di internet per il suo modo di utilizzare i meme più nuovi per far pubblicità all’enciclopedia più antica d’Italia.

Ieri però abbiamo visto un’ulteriore evoluzione del modo in cui brand usano i social – che, a giudicare dalle reazioni degli utenti, ha avuto un successo spropositato. Protagonista è Unieuro, o meglio il social media manager di Unieuro, che ha trovato una nuova strategia per vendere un prodotto che, probabilmente, non è facilissimo da vendere: delle lavatrici. 

“Questo è un normalissimo post che parla di questa ottima lavatrice LG scontata del 54%. Non c’è altro da vedere. Davvero, non vale la pena che clicchi su Altro…” inizia il post in questione, che probabilmente entrerà negli annali di come si fa marketing su Facebook. Se l’utente cliccava su “Altro…”, appunto, seguiva un muro di testo piuttosto lungo che non parlava di lavatrici, ma della vita del social media manager autore del post, rompendo la quarta parete in modo molto originale.

 

Questo è un normalissimo post che parla di questa ottima lavatrice LG scontata del 54%. Non c’è altro da vedere….

Pubblicato da Unieuro su Martedì 12 gennaio 2021

La narrazione proseguiva poi nei commenti: “Ok, qui è dove vi asciugo tantissimo con un commento molto lungo che parla di questa lavatrice. Avete da fare? Vabbè, state leggendo ‘sto commento, non credo abbiate l’agenda che sta esplodendo…”. E ancora: “Alla fine raga non ho avuto tempo di andare in pausa pranzo perché mi ha chiamato il cliente e mi ha detto che avrei dovuto studiare meglio la lavatrice.” E poi: “Utilizziamo questo commento per non dire assolutamente niente. Ma proprio niente eh.” E via dicendo, un commento ogni ora circa, tutti lunghi, tutti che parlano d’altro e non di lavatrici o in generale prodotti venduti da Unieuro, tutti in cui il social media manager racconta i fatti suoi. Ma tutti – o quasi – anche con il link per comprare la lavatrice. 

Il risultato è, appunto, che un semplice post per vendere una lavatrice si è trasformato in una narrazione – a tratti avvincente – con come protagonista il social media manager (ovvero, la persona deputata a venderti la lavatrice) e come tema fondamentale la vendita della lavatrice. Un tipo di marketing laterale che (credo) nessuno aveva provato finora su Facebook.

Risultato: il post di Unieuro in questo momento ha 38mila like, 9mila commenti, 9mila condivisioni. Un successo, almeno in quanto a numeri. Non sappiamo in quanto a lavatrici effettivamente vendute, ma come ha scritto un utente commentando il post: “Ho riletto tre volte questo post e niente, ora ho una lavatrice per stanza in casa mia”.