Home Cultura Arte

I fan di Matteo Salvini sono stati presi per il culo, questa volta da un artista

Migliaia di utenti razzisti sono stati trollati da un video diffuso sui social, ma il messaggio era l'opposto di quello che si aspettavano

Foto di Tiziana Fabi/AFP/Getty Images

Ci dicono che sia una performance, che sia arte contemporanea, e noi non abbiamo motivo di non crederci: da qualche giorno theDrama ha creato una pagina facebook chiamata “STOP barconi – Riportiamogli a casa l’oro”. Naturalmente in decine di migliaia si sono precipitati a mettere like alla pagina dove si annunciava in pompa magna di essere in procinto di trasmettere un respingimento in diretta. 30.000 fan del ministro degli interni eccitati e compulsivi nei commenti si sono sbizzarriti nel sostegno al “capitano”, che nelle piazze fa sempre più invece la figura del “capitone”, senza capire che in realtà quella pagina mostra gli scali marittimi in cui è possibile vedere le grandi navi petroliere entrare o uscire dai porti.

Xenofobi e razzisti trollati da un artista la cui identità resta sconosciuta e che parla in realtà dell’emergenza ecologica. A rendere tutto più surreale la traccia sonora del video: le parole sconvolgenti di Daniela Santanché, riprese da una vecchia trasmissione in cui diceva che era necessario l’uso della forza e che la soluzione è quella di affondare i barconi.

In un comunicato che ci è arrivato dall’anonimo artista si legge che «Durante la diretta veniva “simbolicamente” respinta una petroliera filmata durante il suo ingresso nel porto di Trieste: non i “negri che stuprano, spacciano e rubano” ma l’occidente che stupra, devasta e deruba il continente africano». Sulla pagina facebook, ancora attiva con tanto di centinaia di sconvolgenti commenti che incitano alla chiusura dei porti, si può leggere una nota dell’autore: “Vi ho presi in giro in 27.938. E l’ho fatto per farvi riflettere su quanto è facile essere ingannati quando lo strumento di comunicazione è così potente. Blocco navale totale, lo chiedete a gran voce da tempo. E che sia totale, allora. Riportiamogli a Casa l’Oro”.

Leggi anche