Home Cultura Arte

Blu sta cancellando le sue opere a Bologna

L'artista sta personalmente rimuovendo i suoi lavori in segno di protesta contro la mostra "Street Art -Banksy&co. L’arte allo Stato urbano"

Blu mentre cancella i suoi graffiti a Bologna. Foto: Giap

Blu mentre cancella i suoi graffiti a Bologna. Foto: Giap

Dalla prossima settimana, a Bologna, si terrà la mostra “Street Art -Banksy&co. L’arte allo Stato urbano”. Una retrospettiva sulla street art in cui sono esposti i lavori di diversi artisti, tra cui quelli dell’italiano Blu. Molti di questi lavori sono stati staccati dalle pareti in cui si trovavano per essere esposti a Palazzo Piepoli, spesso senza autorizzazione diretta.

Una scelta che non è piaciuta a Blu che, in risposta, in queste ore sta cancellando le sue opere dalla città, assieme agli occupanti di due centri sociali, XM24 e Crash. La comunicazione è arrivata dal blog Giap, del collettivo Wu Ming.

“Dopo aver denunciato e stigmatizzato graffiti e disegni come vandalismo, dopo avere oppresso le culture giovanili che li hanno prodotti, dopo avere sgomberato i luoghi che sono stati laboratorio per quegli artisti, ora i poteri forti della città vogliono diventare i salvatori della street art. Tutto questo meritava una risposta”, scrive Wu Ming.

Leggi anche