Home Classifiche Liste

Le migliori chitarre di James Hetfield

Il frontman dei Metallica, che oggi compie 56 anni, ha cominciato la sua avventura con una SG, per poi collezionare le sei corde più eccentriche che il rock abbia mai visto

La prima chitarra ricevuta in regalo da James Hetfield è una SG. «Era in vendita, a buon mercato ed era a portata di mano, essendo il venditore un ragazzo che suonava nella jazz band del mio liceo» racconta il cantante e chitarrista dei Metallica, che proprio oggi spegne 56 candeline.

«Mia madre me la comprò con i risparmi, ma io ben presto la barattai con un microfono e degli altoparlanti perché volevo fare il cantante. Poi però mi resi conto di voler fare anche il chitarrista, così raccolsi i soldi per comprare una Flying V bianca di sottomarca.»

Da allora le Flying V, insieme alle Explorer, sono state le due forme più frequenti nel parco chitarre di Hetfield, principalmente firmate dalla ESP. Vediamo le cinque migliori chitarre elettriche del suo harem.

ESP Flying V

Hetfield non possiede più quella famosa Flying V della Electra, con cui peraltro registrò tutto il primo album Kill ‘Em All. La comprò nel 1980 per 200 dollari, e per almeno quattro anni fu la sua ombra. Questo fino a quando, nel tour del 1984, il manico si spezzò definitivamente, dopo essere stato incollato già svariate volte prima di allora. «Sapevo fosse una copia, ma la trattavo comunque come se fosse una Gibson» ha detto Hetfield a Guitar World. «Ne volevo una bianca perché Michael Schenker degli UFO ne aveva una, quindi dovevo averne una anch’io. Il manico si spezzò un paio di volte in tour, fu reincollato un po’ di volte.» I pickup originali erano Seymour Duncan. Quanto al corpo, è in assoluto la prima chitarra su cui Het abbia mai inciso una scritta. Oggi James ne possiede una copia perfetta realizzata dalla ESP, con tanto di incisione “Fuck it” e pickup ESP.

ESP LTD Baritone Viper “The Grynch”

Il “Grinch”è stato scelto da Hetfield come quinto signature model per la ESP, ma con il sotto brand di LTD. La base della chitarra è una Viper ma in versione baritona. Il motivo di questa scelta è abbastanza pratico. James infatti ha iniziato a usare dal vivo questa chitarra per canzoni che richiedono accordature droppate, come Invisible Kid e Frantic, entrambe tratte da St. Anger del 2003, rispettivamente accordate in Sol diesis e Do.

Ken Lawrence Explorer

Ken Lawrence è un liutaio americano che costruisce principalmente bassi artigianali. Per capirci, il basso a cinque corde fretless di Trevor Dunn dei Mr. Bungle porta la firma di Lawrence. Anche le chitarre però non dispiacciono a Mr- Lawrence, tant’è che ad avergliene chiesta una è stato proprio Hetfield nel 1996. Il frontman dei Metallica possiede varie Explorer costruite da Lawrence, almeno tre, ma una delle più famose è quella del 2003, in legno di Bubinga e decorazioni fiammeggianti sul manico. Tutte le chitarre montano pickup EMG 81/60.

ESP Iron Cross

La genesi di questa chitarra avviene quando Het modifica personalmente la sua Gibson Les Paul del 1973, aggiungendo una striscia dorata e una vistosa croce di ferro sul corpo a partire dall’epoca di St. Anger, quindi 2003. Dal 2011, ESP ha lanciato anche una versione bianca, costruita a mano in Giappone. Il look di entrambe si rifà all’estetica delle hot rod, che sono un po’ il pallino di Hetfield.

Jackson King V Custom “Kill Bon Jovi”

Dave Mustaine viene universalmente riconosciuto come il primo e più grande promotore di chitarre Jackson di sempre. Ma Hetfield compra la sua King V almeno un anno prima di Mustaine, nel 1985. Per cui, evidentemente interessata a un endorsement, la Jackson contatta Hetfield per primo. Lui sulle prime ci pensa. Ma poi, troppo affezionato alle sue Explorer, in un secondo momento declina l’invito in maniera plateale, cioè attaccando un vistoso adesivo “Kill Bon Jovi” sulla paletta, al posto del logo Jackson. Usata principalmente nel tour 1986/87, è la chitarra con cui James ha registrato la maggior parte di Master Of Puppets.

Leggi anche