Home Classifiche Liste

Le dieci lingue più famose del rock

Da Jimi Hendrix a Gene Simmons, una carrellata degli organi linguali più famosi

L’organo più famoso nel rock? Qualcuno potrebbe rispondere l’Hammond, ma secondo noi è l’organo muscolare dentro alla bocca che permette di parlare, cantare, gustare e baciare: l’essenziale, indispensabile lingua.

I rockettari hanno sempre dedicato grandi pezzi alle arti linguali: i Talking Heads parlavano di Speaking in Tongues, mentre gli Yeah Yeah Yeahs avevano la Black Tongue, per non parlare di Bob Dylan che sosteneva che “Spanish is the loving tongue”. Ecco i 10 più grandi agitatori di lingua:

10. Jimi Hendrix

Uno dei tanti modi in cui Jimi Hendrix ha reinventato il modo di suonare la chitarra: usava la lingua. Per fortuna, non allo stesso modo con cui usava il liquido degli accendini.

9. R.E.M.

Michael Stipe fotografato da David Belisle. Foto via Facebook Ufficiale

Michael Stipe fotografato da David Belisle. Foto via Facebook Ufficiale


«Volevo solo cantare come una ragazza» ha detto Michael Stipe della sua hit (in UK sicuramente) tratta da Monster. La ballad, decisa nel piano e nel falsetto, è scritta da un punto di vista femminile: il lamento infelice di una ragazza che si sente come una poco attraente ultima spiaggia. La lingua, come sempre, è il luogo di sesso e potere. In contrasto con il testo triste stava la palla a specchi sul palco durante i concerti, per non menzionare l’aneurisma cerebrale che è preso al batterista Bill Berry in Svizzera, proprio durante Tongue.

8. Dennis Rodman

Quando il giocatore più rock di sempre ha posato per la cover di Rolling Stone USA nel Rolling Stone nel 1996, il fotografo Albert Watson lo ha catturato con dei capelli tinti di rosso, corna da diavolo, e una lingua lunghissima che è almeno il doppio della sua vera lunghezza. Non possiamo escludere che la lingua sia stata l’argomento principale della conversazione fra Rdman e Kim Jong Un quando il giocatore ha visitato la Corea del Nord.

7. I Poison

Pensavate che Dennis Rodman avesse una linguosità assoluta? La copertina del secondo album dei Poison, Open Up and Say Ahh, certificato quadruplo platino, sfoggiava la modella Bambi. Nel ritratto, è stata agghindata con capelli enormi, strisce di tigre, fauci, un anello al naso e una lingua lunga almeno come un piede.

6. Steven Tyler

Il frontman degli Aerosmith non solo condivide la sua lingua col mondo, ma l’ha resa famosa cantandone al riguardo nelle canzoni, specie in chiave porno. Per esempio in F.I.N.E. canta: “spingo la mia lingua fra le tue guance”. Ma ancora meglio in Back in the Saddle: “Le ragazze si stanno bagnando/non c’è lingua più asciutta della mia”.

5. Debbie Harry

Questa donna è così magnetica che non ha bisogno di spiegazioni o descrizioni. La foto parla da sola.

4. Danny Brown

Il genio del rap che risponde al nome di Danny Brown non espone la lingua fuori dalla bocca solo per ossigenarla, ma come Steven Tyler ne parla spesso nei pezzi: “Divento scemo e ignorante quando sono su quel clitoride, ti lecco il culo in un delirio, il mio gioco di lingua è serio”.

3. Il logo dei Rolling Stones

“Il concept del disegno della lingua voleva rappresentare lo spirito autoritario della band, la bocca di Mick e ovviamente le connotazioni sessuali del caso” ha raccontato il designer John Pasche, che ha iniziato a lavorare con gli Stones quando era ancora uno studente al Royal College Of Art. Pasche sostiene di averci messo una settimana per completare il logo, e di essere stato pagato 250 sterline per il lavoro.

2. Miley Cirus

Stando a quanto detto a Rolling Stone, Miley Cyrus ha l’abitudine di estrarre la lingua è nata perché la cantante non voleva sorridere nelle foto. «Metto fuori la lingua perché odio sorridere nelle foto. È così imbarazzante, sembra davvero sdolcinato. Ora la gente se lo aspetta!»

1. Gene Simmons

Il dio del tuono dei Kiss è così dotato nella zona linguale che si dice si sia fatto impiantare quella di una mucca per avere extra-potenza e lunghezza. Ovviamente non è vero, ma la lingua di Gene è indubbiamente un dono della natura. Lui stesso ammette che non si è reso conto della lunghezza della sua lingua fino ai 13 anni, quando scoprì che poteva aiutarlo con le ragazze.

Leggi anche