Home Classifiche Liste

David Bowie, Mina, New Order: le migliori ristampe in vinile del weekend

E per "migliori ristampe" intendiamo i dischi per cui davvero spenderemmo dei soldi, come la registrazione del live di Bowie a Glastonbury il 25 giugno del 2000

Fonte: Getty

Fonte: Getty

Superato incolumi il Record Store Day? Ebbene, questo weekend escono altri dischi super interessanti. Parliamo in questo caso di ristampe, ma non di ristampe qualsiasi, solo le più interessanti. Quelle per cui spenderesti davvero dei soldi per fare un regalo a Natale. E ovviamente, farsi così amare da chi riceve il regalo.

“Glastonbury” di David Bowie

Il 25 giugno del 2000, l’headlinerd di Glastonbury, David Bowie è salito sul palco del Glastonbury in qualità di headliner, ovviamente. Il concerto da allora si trova facilmente su Internet, compresa la registrazione video completa del set su YouTube. Ma per quanto le immagini siano commoventi e in tutto e per tutto inebrianti, a volte c’è bisogno di toccare con mano le cose. A questo rimedia la ristampa in triplo vinile della performance di 18 anni fa. 21 brani in tutto, distribuiti in tre vinili e un cofanetto che comprende anche una specie di diario che Bowie scrisse per Time Out prima della performance e alcuni scatti dal palco della performance

“TOTAL: from Joy Division to New Order” di New Order

Uscito in CD inizialmente sette anni fa, nel 2011, TOTAL come suggerisce il nome vuole dare una panoramica generale di quanto fatto alla musica da quegli scalmanati di Manchester che un tempo rispondevano al nome di Joy Division e da una (quasi) quarantina d’anni sono i New Order. Nel doppio vinile non mancano quindi le vecchie glorie di un’epoca tristemente finita male, come Love Tear Us Apart, She’s Lost e Transmission, ma anche i singoloni che hanno proiettato i New Order nell’empireo del pop mondiale, Blue Monday e True Faith su tutte.

“Paradiso (Lucio Battisti Songbook)” di Mina

A vent’anni dalla scomparsa del più grande di tutti, Mina pubblica con Warner una rivisitazione di alcune perle del duo Battisti-Mogol, cantate da lei, s’intende. Si chiama intuitivamente Paradiso perché stando alla Tigre di Cremona cantare Battisti è pur sempre un’esperienza celestiale. Ed è banalmente in paradiso che tutti ci immaginiamo Lucio in questo momento. L’album si presenta in triplo LP, con dentro una raccolta di brani già cantati in passato da Mina, più due inediti mai interpretati: Vento Nel Vento riarrangiata dal Maestro Rocco Tanica e Il Tempo di Morire, a cura del figlio di Mina, Massimiliano Pani.

Leggi anche