Home Classifiche

I migliori dieci album di questo 2014 che è finito. Vincono gli U2

Dal rock di "Songs of Innocence", Springsteen e Black Keys al pop di Taylor Swift e all'hip hop dei Run the Jewels. Ecco i dischi che ricorderemo

"Songs of Innocence", l'album del ritorno degli U2. Il gruppo suonerà a Torino il 4 e il 5 settembre 2015

"Songs of Innocence", l'album del ritorno degli U2. Il gruppo suonerà a Torino il 4 e il 5 settembre 2015

1. “Songs of Innocence” U2 
Ascoltalo qui:

Non c’è stato un album più grande in tutto il 2014, in termini di sorpresa, generosità e anche di polemica. Songs of Innocence è anche un album di rinascita. Bono, gli Edge, Adam Clayton e Larry Mullen Jr hanno messo la propria vita in prima linea: tirando fuori 11 canzoni di chitarra affascinanti e spontanee, storie emozionanti su come sono diventati una band tra le strade ruvide e il fermento spirituale della Dublino degli anni ’70. Questa è una storia personale, fatta di dettagli. Nella scalpitante e meditabonda Cedarwood Road, chiamata così dopo l’indirizzo di casa di Bono da ragazzo, lui richiama la paura e la rabbia che lo ha condotto al punk rock. The Miracle (of Joey Ramone), è un omaggio glam-stomp alla voce disadattata che ha ispirato Bono a cantare. Ed è sua madre, che è morta quando Bono aveva 14 anni, a guidarlo e confortarlo nel coro di Iris (Hold me close).
È un album pieno di storie della band, un trionfo, una memoria, una confessione, esplosa tra l’avventura e la poesia. Nella sua gamma di suoni, può non esserci più il solito album completo degli U2: la band ha legato i suoi valori fondati sul post-punk con lo slancio della danza di Volcano, la grezza e frastagliata Raised by Wolves, il patos digitale di Every Breaking Wave, la straziante Sleep Like a Baby Tonight, e il calore vocale folk-soul del loro album dell’87 “The Joshua Tree”. “Io ho la volontà di sopravvivere” canta Bono nella chiusura della traccia di The Troubles. Songs of Innocence è una testimonianza e emotivamente un album di rock puro, a tutti i costi.

2. “High Hopes”Bruce Springsteen 
Ascoltalo qui:

Questo nuovo apice raggiunto da Springsteen nel caldo filone del 21° secolo è il suo più vibrante album e gloriosamente scorrevole di tutti gli anni. In passato, Springsteen non si sarebbe mai permesso di realizzare un album che includesse due cover e una versione rielaborata di un suo vecchio pezzo – per non parlare del fatto che ha dato a Tom Morello la licenza di spiattellare un virtuoso wah-wah, follia su gran parte di esso. Ma Springsteen era molto più vecchio allora. Ora è più imprevedibile che mai, e sta lavorando: nonostante le varie origini delle canzoni, in High Hopes si agganciano insieme con sorprendente consistenza sonora e tematica, trovando angoli freschi sul suo tema centrale: le linee guaste nel sogno americano. Springsteen ha lavorato a gran parte dell’album durante il suo anno e mezzo di tour Wrekling Ball, e l’espansività dei 19 pezzi di quel tour, incarnazione della E Street Band, con una sezione di fiati, coristi e un percussionista, trasporta oltre i grandi audaci arrangiamenti di brani come High Hopes (prima incisa nel lontano 1990 da un oscura crew punk di L.A. chiamata the Havalinas), la chiassosa bar-band Frankie Fell in Love e il ritratto western Harry’s Plays.
La versione rinnovata di American Skin (41 Shots), una canzone sulla polizia e le riprese su un giovane di colore, riecheggiando l’uccisione di amadou Diallo del 1999, si è rivelata una scelta tragicamente lungimirante per l’anno di Ferguson.
Ma l’apice dell’album è il duetto Morello-Springsteen in The Ghost of Tom Joad, dove l’assolo celeste di Morello carico di rabbia, è una canzone a parte. Ogni elemento corre insieme come una maratona in concerto, uniti da un occhio duro sulla condizione nazionale e dal fuoco della voce di Springsteen.

3. “Turn Blue” The Black Keys
Ascoltalo qui:

I Keys e Danger Mouse tirano fuori tutto dal funk anni ’70, al battito della disco, al tempo scandito dalla chitarra, facendo una musica che può evocare notti tardive solitarie o strade deserte che sanno di gomma bruciata, agitazione paranoica e possibilità illimitate. È il suono dell’arena di rockers più innovativa d’America in pieno comando.

4. “St. Vincent” St. Vincent 
Ascoltalo qui:

Dopo una serie di album sempre più eccellenti, il quarto da solista indie della protagonista Annie Clark suona come un’incoronazione: un magistrale set distorto, sottilmente sexy groove electrofunk e poesia Dada che fa male per davvero. E i suoi assoli di chitarra di fuoco sono più nitidi e sorprendenti che mai. Inchiniamoci.

5. “Platinium” Miranda Lambert 
Ascoltalo qui:

Lambert ha iniziato come la principale cattiva ragazza del paese. Quest’anno, è diventata un’istituzione. Platinum bilancia dolcemente l’introspezione del solo-act con l’afferrare l’anello A-list, co-protagonista del calibro di Carrie Underwood e Little Big Town. Assente, però, è il marito super star Blake Shelton – la sorella sta facendo da sé.

6. “Sucker” Charli XCX 
Ascolta il singolo “Boom Clap”:

Charli XCX è la pop star che il 2014 stava aspettando: una dotta scrittrice cazzuta che è anche la ragazza più divertente di qualsiasi stanza in cui lui entri. A 22 anni si è messa in proprio con Sucker, col suo mezzo dito agita una sommossa di adolescenti confezionato in 13 gemme punky. È un dance party, un’ammucchiata in una fossa e una rivolta femminista. Charli è assolutamente in carica.

7. “Ultraviolence” Lana Del Rey
Ascoltalo qui:

La Del Rey ha messo a tacere i suoi detrattori con una collezione inebriante di inni indie-noir. Con più strumentazione dal vivo all’interno dei suoi fumosi ritmi glam, lei interpreta un sufficiente numero di personaggi da riempire un romanzo di Raymond Chandler: in Sad Girl lei è un’amante sensuale; in Brooklyn Baby lei è un ragazzo irascibile. Più di tutto, lei è una voce pop come nessun’altra.

8. “Run the Jewels 2” Run the Jewels 
Ascoltalo qui:

El-P e Killer Mike hanno fatto il più grande album hip-hop del 2014. Il protagonista spara una fiammata nel rumore della notte: Zack de la Rocha fa un riff su Philip K. Dick; Gangsta Boo lancia uno script porno-rap. Ma è la chimica che si crea tra Mike sulla base di Dirty South e la foto del grande atto d’accusa di El che illumina questo come un ponte di Brooklyn.

9. “Salad Days” Mac DeMarco 
Ascoltalo qui:

È il secondo album per il 24enne cantante e chitarrista canadese. Un ambiente caldo, insieme lucido di jam folk-rock assolate, ha il sapore di un vinile usato degli anni 70 perso in un bidone. DeMarco Harry Nilsson, i Beach Boys, Steely Dan e i Beatles, ma le vibrazioni offbeat dello stoner si devono tutte a lui.

10. “1989” Taylor Swift
L’album non è presente su Spotify. Guarda il video del singolo “Shake it off”:

La fidanzata d’America ha scritto perfette melodie pop dal giorno in cui ha lanciato Nashville. Eppure è ancora uno shock divertente sentire che lei abbandona i banjos per un album di 40 Top esperti, come quando Dylan diventò elettronico, fatta eccezione per alcune canzoni sullo stile di Harry. Lei suona bene a casa sui ritmi di Max Martin, malati e non.

Leggi anche