Home Classifiche Classifiche cinema

Sette film per salvare il vostro Halloween

Cacca assassina, sushi assassino, metacinema e qualche classico

Ma come si festeggia Halloween? La “notte di tutti gli spiriti sacri” non fa proprio parte della nostra cultura, e tra chi porta i figli a chiedere le caramelle ai vicini, chi va a qualche serata in costume e chi si rinchiude a casa a guardare una manciata di film dell’orrore, quasi nessuno sa davvero che cosa sta festeggiando. In fondo il bello di questa festività superpop è proprio questo, una giornata tutta dedicata ai mostri, ai dolci e al consumismo senza troppe spiegazioni.

Organizzare la maratona di Halloween è una bella responsabilità, ed è per questo che abbiamo deciso di aiutarvi con sette film fuori dagli schemi, per passare una nottata in compagnia di pellicole un po’ diverse dal solito, niente storie straviste e zeppe di jumpscare. Nella lista dove c’è un po’ di tutto: sushi assassino, mostri di cacca, trash purissimo e anche un paio di classici.

“Troll 2” di Claudio Fragasso

Partiamo con Claudio Fragasso e il suo Troll 2, un b-movie diventato classico che non poteva mancare nella nostra lista. Il film nasce dalla richiesta della produzione di fare un horror senza sangue, e il regista italiano ce la mette tutta confezionando una storia di morte, orrore e vegetarianesimo: una famiglia va in vacanza in un villaggio abitato dai goblin, esseri (più o meno) mostruosi che divorano gli esseri umani dopo averli trasformati in piante.

“Denti” di Mitchell Lichtenstein

«Ognuno di noi nasce con un dono, un dono molto speciale, perché regalarlo al primo che passa?», dice la protagonista Dawn all’inizio di Denti, il perfetto film per questo Halloween arrivato nei giorni del caso Weinstein. Denti racconta la storia di una giovane attivista di un gruppo super-cristiano che dopo aver subito un tentativo di stupro si ritrova con una vagina dentata. Il film di Mitchell Lichtenstein (figlio del maestro della Pop Art Roy Lichtenstein) è strano e affascinante, ma non riesce mai a essere né b-movie né satira grottesca. Fa ridere, sì, e forse non volontariamente, ma è da vedere.

“Zombie Ass: Toilet of the Dead” di Noboru Iguchi

Arisa Nakamura è la giovane attrice protagonista di Zombie-Ass: Toilet of the Dead, dove il suo personaggio (una studentessa in viaggio dopo la morte della sorella) mangia un verme trovato in un pesce e finisce inseguito da un gruppo di zombie fatti di cacca. Il film è girato da Noboru Iguchi, già autore di The Machine Girl e Robogeisha, che gira un mix di splatter, gore, commedia ed erotismo soft. Ce n’è per tutti i gusti: botte, scorregge, arti marziali, tette e una colonna esagerata da videogame anni ’80.

“Quella casa nel bosco” di Drew Goddard

Sponsorizzato (e prodotto) da Joss Whedon, Quella casa nel bosco è in un certo senso il film definitivo sui teenager in vacanza in qualche luogo infestato. Il film di Drew Goddard prende tutti i cliché del genere – compresi i personaggi, dalla final girl allo scemo fattone, per non parlare degli impiegati interpretati da Richard Jenkins e Bradley Whitford – e li ribalta continuamente, soprattutto nel finale che davvero non si può anticipare. Quella casa nel bosco è un metafilm violentissimo e geniale, una celebrazione (e una critica) verso l’horror americano più stupido girato da chi lo ha amato davvero.

“La notte dei morti dementi” di Edgar Wright

Come Quella casa nel bosco, anche La notte dei morti dementi è un meta-film che prende in giro l’horror, ma in questo caso parliamo di una commedia più pura, esilarante e molto meno sanguinolenta, nonostante il regista Edgar Wright abbia detto più volte di considerarla una storia piuttosto tetra. È impossibile non affezionarsi a Shaun e al suo amico Ed, i protagonisti super-ordinari che si ritrovano ad affrontare un’apocalisse zombie un po’ come faremmo noi.

“Dead Sushi” di Noboru Iguchi

Rina Takeda, dalle arti marziali al sushi assassino

Dead Sushi – un’altra pellicola di Noboru Iguchi – è stato presentato in anteprima al Future Film Festival di Bologna, dove i fortunati presenti hanno potuto gustare un aperitivo a tema prima di essere sopraffatti dallo splatter idiota del film, dove un ex ricercatore mette a punto un siero per “risvegliare gli istinti omicidi del sushi”. La ricetta è grossomodo la stessa di Zombie Ass. Se proprio non ce la fate con la cacca, quella del sushi è un’ottima alternativa.

“Splatters: gli schizzacervelli” di Peter Jackson

Fa strano pensarlo oggi, ma prima dei trionfi della triologia del Signore degli Anelli Peter Jackson ha girato un film come Splatters: gli schizzacervelli. Premiato nei festival e adorato dalla critica, Splatters racconta la storia di Lionel e del terribile virus delle scimmie di Sumatra, che trasforma tutte le sue vittime in orribili zombi. Quella di Peter Jackson è una stravagante commedia horror, girata esagerando tanto nella tecnica quanto nella direzione degli attori, decisamente penalizzati dall’adattamento italiano. Una secchiata di interiora perfetta per la notte di Halloween.

Leggi anche