Home Cinema News Cinema

Westeros D.C.: quando Game of Thrones incontra la Casa Bianca

Le vicende politiche americane e i fatti del Trono di Spade: i buoni e i cattivi dei due mondi a confronto

Carter, Clinton, Obama e Bush all'ultimo President's day. Fonte: Facebook

Carter, Clinton, Obama e Bush all'ultimo President's day. Fonte: Facebook

Certo, il Trono di Spade è un’offerta di svago per eccellenza, un fantasy epico con i suoi wildlings, Ombre bianche e ricevimenti di nozze mortali. Ma tutti sanno che lo show di successo della HBO è anche la metafora migliore in circolazione per descrivere la politica americana, una coagulo di fogna dove sociopatici assetati di potere e doppiogiochisti alle prime armi conducono lo spettacolo e chiunque con un briciolo di idealismo o di integrità è cibo per draghi – proprio come su Meet the Press. A volte la simmetria tra GoT e DC è quasi inquietante. Ecco alcuni esempi.

Tyrion Lannister/Bill Clinton

Tyrion Lannister/Bill Clinton. Foto: Hbo e Twitter

Tyrion Lannister/Bill Clinton. Foto: Hbo e Twitter

Due avidi sensualisti e degli eterni «comeback kids»- furbescamente brillanti, politicamente indistruttibili, senza nessun interesse per quanto brutti e vili possano essere i loro nemici e, naturalmente, lisci come la seta più fine che un Lannister possa comprare quando si tratta di donne. Come Bill, Tyrion è messo in situazioni spinose per aver fatto un po’ il piacione con un’assistente sul posto di lavoro (il cui libro di memorie postumo, Shae’s Story, speriamo venga pubblicato entro la fine dell’anno). Come Tyrion, Bill ha superato in astuzia i suoi avversari e si è ripreso in fretta da un processo per l’impeachment inventato, per ritornare a combattere ancora, un altro giorno. Hanno i loro difetti – ma amare un uomo è amare le sue trasgressioni, e non ne possiamo mai abbastanza di questi due birbantelli, anche se ci fanno impazzire a volte. «Una volta che hai accettato i tuoi difetti, nessuno può usarli contro di te», ha detto una volta Tyrion. Pensiamo di averlo già visto su un adesivo della campagna di Clinton nel 1996.

Joffrey Baratheon/George W. Bush

Joffrey Baratheon/George W. Bush.  Foto: Hbo e Facebook

Joffrey Baratheon/George W. Bush. Foto: Hbo e Facebook

Non siamo in alcun modo cercando di insinuare che il 43 ° Presidente degli Stati Uniti è il tipo di ragazzo che appende una prostituta nella sua camera da letto e la riempie di frecce; anche i ragazzi di Skull & Bones (la confraternita di cui faceva parte Bush) sono così partyharder. Non stiamo neanche lontanamente suggerendo che George Sr. e Babs potrebbero essere fratello e sorella (anche se non si sa mai con le persone ricche). Ma ovviamente Joff e G-Dub hanno molto in comune. Entrambi questi ragazzi piccoli, viziati, lords-diventati-wannabe e duri hanno portato indicibili sofferenze su un sacco di gente a causa di nient’altro che la loro impetuosa deficienza da bambino impertinente. «Abbiamo avuto re cattivi e abbiamo avuto re idioti, ma non credo che ci sia mai capitato un idiota cattivo come re”, lo zio di Joffrey, Tyrion, gli dice nella seconda stagione. Se solo John Kerry avesse avuto una battuta come quella da lanciare nei suoi una linea come quella pronto ad andare in uno dei suoi dibattiti presidenziali del 2004.

Daenerys Targaryen/Barack Obama

Daenerys Targaryen/Barack Obama. Foto: Hbo e Facebook

Daenerys Targaryen/Barack Obama. Foto: Hbo e Facebook

A volte sembra che questi siano gli unici due personaggi simpatici nei rispettivi drama, e loro hanno sicuramente avuto i concerti il lavoro più sporco da fare. Daenerys and Obama hanno superato i background dal fascino oscuro, gli inizi in salita e un senso quasi esistenziale di spaesatezza per ottenere un grande potere, comportandosi con una placida semplicità e un fascino educato che maschera un’audace e calcolata determinazione. E come Barack, Dany ha rappresentato la promessa nascente del cambiamento storico solo per essere affossato dalla realtà quotidiana della leadership politica. Lei tentò di porre fine alla schiavitù; lui ha cercato di dare l’assicurazione sanitaria a tutti. Lei deve controllare i suoi draghi; lui deve tenere a guinzaglio Joe Biden. C’è da pagare il costo di essere il capo – speriamo solo che attraversare il Mare Stretto, non sia così difficile come fare qualcosa di tangibile per il cambiamento climatico.