Home Cinema News Cinema

Spike Lee sarà il primo presidente di giuria nero nella storia del Festival di Cannes

"Non potevo crederci: ero felice, sorpreso e orgoglioso allo stesso tempo”

Spike Lee scattato in esclusiva per Rolling Stone da Fabrizio Cestari a Venezia 75.

Spike Lee scattato in esclusiva per Rolling Stone da Fabrizio Cestari a Venezia 75.

Spike Lee sarà presidente della giuria della 73esima edizione del Festival di Cannes, il primo di colore: “Sono onorato di essere la prima persona nella diaspora africana a ricoprire questo ruolo”. Lee succede a Alejandro G. Iñárritu, che nel 2019 ha assegnato la Palma d’oro a Parasite del sudcoreano Bong Joon-ho, vincitore del Golden Globe e appena nominato agli Oscar in sei categorie.

Il cineasta di Brooklyn ha avuto una relazione importante con Cannes negli anni ’80 grazie a Lola Darling e Fa’ la cosa giusta, il suo primo film in concorso. Il suo ultimo lungometraggio, BlacKkKlansman, ha partecipato al festival nel 2018 conquistando il Grand Prix. Lee è stato poi candidato all’Oscar come miglior regista.

“Il Festival di Cannes (oltre ad essere il più importante del mondo – senza mancare di rispetto a nessuno) ha avuto un grande impatto sulla mia carriera cinematografica. Ha cambiato chi sono diventato nel panorama mondiale”, ha detto Lee, che ha sostenuto molti giovani registi nel corso della sua carriera, tra cui Ladj Ly, il cui debutto I Miserabili ha gareggiato a Cannes l’anno scorso ed è appena stato nominato dall’Academy come miglior film internazionale.

“Nella vita le più grandi benedizioni sono arrivate in modo inaspettato, quando sono venute fuori dal nulla”, ha aggiunto il regista, che si è detto “scioccato, felice, sorpreso e orgoglioso allo stesso tempo” quando gli è stata offerta l’opportunità di presiedere la giuria nel 2020.

Il presidente Pierre Lescure e il direttore del festival Thierry Frémaux hanno dichiarato che “la prospettiva di Spike Lee è più preziosa che mai”.

“Cannes è la patria naturale e una cassa di risonanza globale per coloro che risvegliano le menti e mettono in discussione le nostre idee e posizioni. La personalità di Lee sicuramente scuoterà le cose. Che tipo di presidente di giuria sarà? lo scoprirete a Cannes!”, hanno affermato i vertici della manifestazione.

La prossima edizione del festival si svolgerà dal 12 al 23 maggio, mentre la selezione ufficiale, così come il resto della giuria, sarà presentata a metà aprile.

Intanto l’edizione 2019 di Cannes sta dando i suoi frutti in questa stagione di premi con Parasite, C’era una volta a… Hollywood, Dolor y Gloria, I Miserabili e For Sama, tutti nominati per gli Oscar. In totale, i titoli di Cannes hanno ottenuto 20 candidature.

Leggi anche