Home Cinema News Cinema

Spike Lee dirigerà un musical sulla storia del Viagra

Il film è basato su un articolo di 'Esquire', che racconta la vicenda di come il farmaco per la disfunzione erettile abbia affrontato l'opposizione di Wall Street e della Chiesa cattolica

Il prossimo progetto di Spike Lee sarà un film musicale sulla storia delle origini del Viagra. Il film è basato sull’articolo di David Kushner su Esquire intitolato All Rise: The Untold Story of the Guys Who Launched Viagra, che racconta la vicenda di come il farmaco per la disfunzione erettile di Pfizer abbia affrontato l’opposizione di Wall Street e della Chiesa cattolica prima di cambiare la vita sessuale degli uomini in tutto il mondo. Il musical (ancora senza titolo) è sceneggiato dall’attore, drammaturgo e creativo britannico Kwame Kwei-Armah e conterrà canzoni e musiche originali scritte da Stew Stewart e Heidi Rodewald, il duo dietro il vincitore del Tony Passing Strange.

In una dichiarazione, Lee ha detto: «Prima di tutto ringrazio la signora Jacquelyn Shelton Lee, la mia defunta madre per (come direbbe lei) aver portato “il mio stretto, arrugginito didietro” trascinando, scalciando e urlando al cinema mentre crescevo nelle strade della Repubblica popolare di Brooklyn. Non volevo vedere gente cantare e ballare. Volevo invece giocare con i miei amici a Da Block, Stoop Ball, Stick Ball, Punch Ball, Soft Ball, Basketball, 2 Hand Touch, Tackle Football, Coco Leevio, Johnny On Da Pony, Hot, Peas And Butter, Crack Top, Down Da Sewer e, naturalmente, Booty Up. Tutti i grandi giochi di strada di New York City che potrebbero tristemente andare persi per sempre. Mio padre, Bill Lee, bassista jazz/folk e compositore odiava la stramberia di Hollywood per cui, visto che io, il più grande di cinque figli, sono diventato l’accompagnatore di mamma al cinema. Era lei la cinefila. Grazie a Dio non ha ascoltato i miei continui lamenti sui musical. Quindi, finalmente, dopo trent’anni da regista, dirigerò un DANCIN’, ALL SINGIN’ MUSICAL Spike Lee Joint e non vedo l’ora».

Il progetto segna la seconda incursione di Lee nel teatro musicale dopo il suo ultimo lavoro, l’adattamento dello spettacolo dal vivo American Utopia di David Byrne, che ha debuttato con il plauso della critica.

Altre notizie su:  Spike Lee