Home Cinema News Cinema

Renée Zellweger fa Judy Garland e duetta con Sam Smith e Rufus Wainwright

Si chiama 'Judy' il disco che uscirà insieme all'omonimo film, adattamento cinematografico del dramma teatrale 'End of the Rainbow' di Peter Quilter, dedicato agli ultimi mesi di vita della Garland

Foto Dia Dipasupil/Getty Images

Renée Zelwegger nel febbraio 2019 a un evento dedicato agli Oscar

Fra i duetti che non ti aspetti ci sono certamente quelli di Renée Zellweger insieme a Sam Smith e Rufus Wainwright. Uniti dal grande amore per Judy Garland i tre artisti cantano insieme in Judy, colonna sonora originale del lungometraggio in cui l’attrice di Bridget Jones recita nel ruolo della Garland, appunto. Il disco, che uscirà insieme al film, arriverà negli Stati Uniti il 27 settembre e il 9 dicembre in Italia.

«Quando avevo 17 anni ho realizzato un progetto su Judy Garland per i miei studi cinematografici. Mi sono trovato immediatamente immerso nella magia di Judy e della sua storia coraggiosa», ha dichiarato Sam Smith, fan di lunga data di Judy Garland e amico della Zellweger. «È rimasta una delle icone della mia vita. E’ stata una donna estremamente sincera: la vulnerabilità e l’onestà nella sua arte mi fanno ancora venire la pelle d’oca. È stato davvero un onore cantare con Renée. Nessuno avrebbe potuto interpretare Judy come lei, ed è un privilegio cantare con lei, e in un certo senso, con Judy. Spero che tutti adorino il film tanto quanto me».

Mentre Rufus Wainwright, il cui album dal vivo Rufus Does Judy at Carnegie Hall ha ricevuto il plauso della critica e gli è valso una nomination ai Grammy Award, ha raccontato: «Judy Garland è stata una presenza costante nella mia vita. Il mago di Oz era uno tra i film che più amavo da piccolo. È bello tornare e osservarla di nuovo nell’interpretazione di Renée e attraverso questo meraviglioso duetto con lei: la sua interpretazione è sorprendente in un film incentrato sull’amore e sulla generosità che Judy ha sempre avuto per il mondo che la circonda. Mi ricorda quanto fossero uniche la sua vita e la sua arte».

Leggi anche