Home Cinema News Cinema

Mick Jagger racconta gli “sconci” anni Settanta in “Vinyl”

Il frontman degli Stones e Martin Scorsese si rituffano nella New York del tempo per la serie in onda sulla HBO a febbraio e in contemporanea su Sky Atlantic per l'Italia

Un'immagine dal primo trailer di "Vinyl"

Un'immagine dal primo trailer di "Vinyl"

Circa 20 anni fa, Mick Jagger partorì un’idea per un progetto da sogno: un film epico che raccontasse la storia del music business attraverso i decenni. Per dare forma alla sua visione ha reclutato anche Martin Scorsese e il creatore di Boardwalk Empire, Terence Winter. Mentre lavoravano, diventò chiaro che non sarebbe stato possibile mettere tutti gli eventi in un film solo. «Era molto irregolare», dice Jagger. «E visto che la televisione stava diventato sempre più raffinata, eccitante e interessante, abbiamo deciso di farlo diventare una serie».

Il risultato è Vinyl, che verrà trasmessa sulla HBO da febbraio e in contemporanea su Sky Atlantic in Italia. Ambientata nella New York del 1973, la serie è incentrata su Richie Finestra (interpretato da Bobby Cannavale), presidente di un’etichetta discografica con il vizio della cocaina, un matrimonio problematico e una compagnia che sta perdendo il suo tocco da re Mida. Canaveral, 45 anni, si è divertito a preparare il ruolo. Ha letto racconti musicali legati a quel periodo, come New York 1973-1977. Cinque anni che hanno rivoluzionato la musica e il best seller Hit Men. Ha anche «passato molto tempo con le persone giuste» – inclusi il chitarrista di Patti Smith, Lenny Kaye e David Johansen, frontman dei New York Dolls. «Non è come preparare una serie poliziesca», ha aggiunto Cannavale.

Essendo un dramma di Scorsese, non può mancare del sesso, delle droghe e della violenza patologica; Andrew Dice Clay è particolarmente adatto per il ruolo di uno sconvolto direttore radiofonico. Oltre a tutta la decadenza di quegli anni, c’è un sacco di musica, grazie alla drammatizzazione di alcune band reali come i Dolls (che si vedono suonare nella puntata pilota) e, nei flashback, molto blues e R&B, con gli artisti di cui Cannavale si innamora all’inizio della sua carriera nel music business.

Nonostante tutto, la star più importante di Vinyl potrebbero essere le strade di New York negli anni Settanta – «uno posto abbastanza sconcio», dice Jagger. «Mi piace il contesto», aggiunge. «Da sempre dovevamo girare lì». Sia Jagger che Scorsese hanno rappresentato questa New York prima di adesso. Vista la quantità di eccessi di quel periodo, non è stato facile rappresentare perfettamente tutti i dettagli. «Fai le tue ricerche», dice Jagger. «E le ricerche risvegliano i tuo ricordi». Ma il cantante di pezzi come Shattered ha davvero visto “people dressed in plastic bags directing traffic“, come sostiene nella canzone? «Certo!» dice, ridendo.

Leggi anche