Home Cinema News Cinema

La mostra curata da Wes Anderson arriva a Milano alla Fondazione Prada

Dal 20 settembre 2019 al 13 gennaio 2020, segnate in agenda

Wes Anderson e la moglie Juman Malouf

Foto: Christian Mendez

Si chiama Il Sarcofago di Spitzmaus e altri tesori ed è il progetto espositivo concepito da Wes Anderson e dalla moglie Juman Malouf in collaborazione con il Kunsthistorisches Museum di Vienna, dove è stato presentato nel novembre del 2018. Dal 20 settembre 2019 al 13 gennaio 2020 la mostra arriva in Italia, alla Fondazione Prada di Milano che ospiterà una seconda versione, più estesa per superficie espositiva e per numero di opere selezionate.

L’esposizione riunisce 537 opere d’arte e oggetti selezionati dal regista e dall’illustratrice, designer e scrittrice, provenienti da 12 collezioni del Kunsthistorisches Museum e da 11 dipartimenti del Naturhistorisches Museum della capitale austriaca. Il titolo rende omaggio a una delle opere esposte, Il Sarcofago di Spitzmaus, una scatola di legno egiziana che contiene la mummia di un toporagno del IV secolo a.C.

La mostra è una riflessione sulle motivazioni che guidano l’atto di collezionare e sulle modalità con le quali una raccolta è custodita, presentata e vissuta. Guardando al passato e ispirandosi al modello della Wunderkammer, Il Sarcofago di Spitzmaus e altri tesori sfida i canoni tradizionali che definiscono le istituzioni museali, proponendo nuove relazioni tra queste e le loro collezioni, tra le figure professionali e il pubblico dei musei.

La scelta delle opere ovviamente segue un approccio non accademico e interdisciplinare e dimostra non solo una conoscenza approfondita dei due musei da parte di Anderson e Malouf, ma testimonia anche risonanze e corrispondenze inattese tra i lavori raccolti e gli universi creativi dei due artisti.

Leggi anche