Home Cinema News Cinema

Kurt Cobain, l’ex capo della polizia di Seattle dice la sua nel docu-film “Soaked in bleach”

È in uscita un nuovo documentario sull'ex Nirvana che tenta di ricostruire proprio la sua fine, al contrario del docu-film di Brett Morgen, sulle vicende del giovane Cobain

Il regista Benjamin Statler ha diretto – a distanza di poche settimane dal debutto al cinema di Montage of Heck – un nuovo documentario, tentando di ricostruire proprio la fine di Kurt Cobain. Al contrario del docu-film di Brett Morgen, che narra le vicende di un giovane Cobain, fin dai suoi primi anni di vita.

Soaked in bleach riporta alcune testimonianze tra cui quella di Norm Stamper, l’ex capo della polizia di Seattle, in carica nel 1994 e parte proprio da quello che tutti ci chiediamo da allora: “Kurt Cobain si è suicidato, davvero?”. Lo stesso Stamper si offrirebbe di riaprire il caso (se solo fosse ancora capo della polizia di Seattle).

Un’altra sostanziale differenza con Montage of Heck è la totale disapprovazione da parte della famiglia del principale fondatore dei Nirvana, in particolare secondo Courtney Love il film presenterebbe una teoria falsa e già smentita sul suo coinvolgimento nella morte del marito.

Altre notizie su:  Kurt Cobain