Home Cinema News Cinema

Quanto costerebbe aprire un Jurassic Park nella realtà?

Qualcuno si è preso la briga di calcolare i costi effettivi per la realizzazione di un parco a tema che poi finirebbe in un disastro colossale

Un fotogramma dall'ultimo "Jurassic World". Foto: Facebook

Un fotogramma dall'ultimo "Jurassic World". Foto: Facebook

Se davvero esistesse un Jurassic Park saremmo già lì. Proprio in questo momento.

Ma come ben sappiamo non è così perché (SPOILER) non esiste nessun parco giurassico. Già, ma perché non esiste? A parte richiedere conoscenze scientifiche che ancora non abbiamo sulla clonazione di animali estinti milioni di anni fa, la realizzazione effettiva del parco richiederebbe cifre astronomiche. Nonostante il fatto che, alla sua prima settimana nelle sale, il film ha già raccolto mezzo miliardo di dollari d’incassi.

Nel video qui sopra, i ragazzi del canale YouTube di Moveclips si sono presi la briga di quantificare — milione più, milione meno — quanti soldi ci vorrebbero per aprire e rendere operativo il parco. Il calcolo parte da una stima dell acquisto dei terreni di Nublar e Sorna, entrambe isole immaginarie ma che nella storia si trovano in Costa Rica. Tenuto conto che superficie complessiva è di 170 km quadrati, il prezzo del sito su cui costruire il parco si aggira sui 10 miliardi di dollari (9 miliardi di euro).

Ok, le isole ci sono. Ora manca il resto. Ovvero, i dinosauri, che come ben sappiamo si sono estinti e vanno riportati in vita da un complesso reparto di ricerca e sviluppo. Aggiungiamo dunque un 22 milioni di euro.

Abbiamo le isole, abbiamo i dinosauri. Adesso mancano le strutture del parco: 1,5 miliardi per la costruzione, 10 milioni all’anno per la manutenzione e 170 mila euro annui per il mantenimento dei dinosauri. Volete il totale? Ecco, sono circa 20 miliardi di euro. E memori dell’esperienza degli ultimi 4 film, non sembrano un investimento poi così valido.