Home Cinema News Cinema

Johnny Depp sta bene. E brinda alla vostra, di salute

Uno come lui l’etichetta di bad boy ce l’avrà sempre appiccicata addosso. E il suo stile di vita farà sempre parlare più dei cambiamenti estremi che affronta per i ruoli.

Quando è apparso sul red carpet della Mostra del Cinema di Venezia nel 2015 per la presentazione di Black Mass era scoppiato il dramma: da “Cosa è successo a Johnny Depp?” a “Johnny Depp irriconoscibile, ingrassato e sciatto sul tappeto rosso”, con tanto di strilli sui giornali e lettere disperate (comiche e non) sul web, che si chiedevano come mai l’attore sempre avesse perso tutto il suo sex appeal. Breaking news: Depp era aumentato di peso proprio per interpretare Whitey Bulger, il criminale di Boston protagonista del film diretto da Scott Cooper. Perché, notizia sconvolgente, Johnny Depp è un attore e il lavoro di un attore è quello di trasformarsi.

Certo, poi ci aveva messo un po’ a tornare in forma: d’altra parte Johnny non è mai stato un modello di vita sana e, più che andare in palestra, ama magnare, sballarsi e, soprattutto, farsi “qualche” bicchierino. Vi ricordate la birretta al posto dell’acqua sul tavolo della conferenza stampa al Lido? L’avete mai visto senza un sigaretta in mano? “Sono un idiota e mi sono avvelenato per anni”, aveva confessato lui stesso a Rolling Stone nel 2008.

Mettici anche che il divorzio dalla moglie Amber Heard, le accuse di violenza domestica, i problemi finanziari (a causa di un tenore di vita da mega star hollywoodiana), il processo contro i suoi ex manager per cattiva gestione, le accuse di sfruttamento di due ex bodyguard. Insomma, sicuramente il pirata del cinema non ha passato un bel periodo.

Quando è stato confermato nel ruolo di Gellert Grindelwald in Animali Fantastici 2 i fan del Mondo Magico sono insorti, ma si sono ammutoliti nell’esatto momento in cui JK Rowling ha difeso la scelta di casting, citando il desiderio dello stesso Depp e della Heard di andare avanti con le loro vite.

Ora Johnny è tornato: è in tour con gli Hollywood Vampires, il supergruppo fondato nel 2015 con Alice Cooper e Joe Perry, che arriverà anche in Italia a luglio, tra Lucca e Roma. E su Instagram una foto scattata insieme a una fan in Russia ha lanciato un nuovo allarme, che nemmeno quando Kim Jong-un si vantava di avere un pulsante nucleare sulla propria scrivania: “Johnny Depp è troppo magro?” Di più “È malato, depresso?” O addirittura “È spacciato?” Nuovi titoloni, nuova preoccupazione virale. Questa volta non più per il sex appeal del pirata del cinema, ma per la sua salute.

Uno come Johnny Depp l’etichetta di bad boy ce l’avrà sempre appiccicata addosso. E il suo stile di vita farà sempre parlare più dei cambiamenti estremi che affronta per i ruoli. È più facile pensare a sconvolgimenti legati a droga, alcolismo, eccessi e drammi vari piuttosto che celebrare le trasformazioni fisiche in onore della settima arte, come magari si fa con “bravi ragazzi” stile Christian Bale o Javier Bardem.

E allora via allo shaming se sei ingrassato o alle prognosi apocalittiche sui social se hai perso troppo peso. Ma è la nostra speculazione ad essere patologica.

Indovinate? Pare proprio che il vecchio Johnny sia dimagrito tanto per un nuovo film, Richard Says Goodbye, dove interpreta un professore che scopre di avere un cancro allo stadio terminale e decide di vivere a mille prima di andarsene. Sì, Depp ha cambiato aspetto ancora una volta per un personaggio. Sconvolgente. E poi magari si è trovato bene nella nuova pelle e ha deciso di rimanerci ancora per un po’. Qualcuno rumoreggia anche che questo, con i lati della testa rasati stile mohawk e senza barba né baffi, sia il suo look da rockstar mentre è impegnato in giro con il gruppo. C’è persino chi imputa l’apparenza slavata e pallida alla cattiva illuminazione della foto o alla vita stancante della tournée.

Poi arriva la rassicurazione da un insider via People, confermata anche da un post Instagram della band: Johnny Depp sta bene, si sta divertendo un mondo. E, soprattutto, brinda alla vostra, di salute.

Leggi anche