Home Cinema News Cinema

Il sequel di ‘Avatar’ è il primo blockbuster a riprendere la produzione dopo la pandemia

Le riprese sul set di James Cameron dovrebbero ricominciare in Nuova Zelanda questa settimana

Foto: ©20thCentFox/Courtesy Everett Collection

Mentre le produzioni hollywoodiane sono ancora chiuse a causa della pandemia, i produttori di Avatar hanno rivelato che il sequel riprenderà la lavorazione questa settimana in Nuova Zelanda.
“I nostri set sono pronti – e non potremmo essere più entusiasti di tornare in Nuova Zelanda la prossima settimana”, ha scritto il produttore Jon Landau su Instagram.

Avatar 2 sarebbe il primo film di una major a riprendere la produzione dall’inizio del lockdown, riporta Variety. Ciò è in parte dovuto all’efficace risposta della Nuova Zelanda all’emergenza, che includeva blocchi, divieti di viaggio e test aggressivi e tracciabilità dei contatti. Di conseguenza, alle produzioni televisive e cinematografiche sul territorio è stato dato il via libera per riprendere a lavorare.

In questo momento, nonostante lo stop, l’uscita di Avatar 2 è ancora prevista per il 17 dicembre 2021. Pare che il regista James Cameron stia girando i quattro sequel contemporaneamente, con il terzo, il quarto e il quinto film in programma per dicembre 2023, dicembre 2025 e dicembre 2027 .

Anche la serie tv sul Signore degli Anelli di Amazon, come la saga per il grande schermo, doveva iniziare la produzione in Nuova Zelanda quando è scoppiata la pandemia, ma non è chiaro quando riprenderà la lavorazione.

Leggi anche