Home Cinema News Cinema

I migliori film italiani del 2016

"Indivisibili", "Monte", "Jeeg Robot", "Perfetti sconosciuti" e "La pazza gioia", indovina in che ordine abbiamo messo i cinque titoli più rappresentativi del Made in Italy nel cinema

Claudio Santamaria e Luca Marinelli, i protagonisti di "Jeeg Robot"

Claudio Santamaria e Luca Marinelli, i protagonisti di "Jeeg Robot"

1. “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti

Gō Nagai all’amatriciana ha fatto rosicare pure Matteo Garrone ai David. Mainetti, Guaglianone, Menotti sono un trio allegro e pieno di brio, capace di togliere le ragnatele al cinema italiano. Non roviniamoli puntando tutto su di loro, però. Per il film vale la regola delle tre “c”: coraggioso, classico (nella sua modernità), cazzuto. Come Claudio Santamaria.

2. “La pazza gioia” di Paolo Virzì

Sarà l’anima livornese, ma il buon Virzì è diventato un maestro facendo finta di niente, che è un attimo che i suoi concittadini lo buttano a mare. Questo ritratto femminile fa il miracolo di farti innamorare della solitamente insopportabile (sullo schermo) Valeria Bruni Tedeschi. Sempre meno cinico e sempre più sentimentale, meriterebbe l’Oscar, ma è troppo toscano per vincerlo.
O forse non abbastanza.

3. “Indivisibili” di Edoardo De Angelis

Tragedia neomelodica, con lo sguardo elegante e antropologicamente ironico di chi non ha paura di toccare tutte le corde della vita. Anche qui c’è lo zampino di Nicola Guaglianone, sceneggiatore da seguire, anzi stalkerare.

4. “Perfetti sconosciuti” di Paolo Genovese

Ho visto cose che voi umani non potete immaginare. Coppie di spettatori litigare fuori da una sala, perché Paolo Genovese guarda la vita e poi ce la racconta come un Roman Polanski rifatto da Ettore Scola. Buttate i vostri smartphone, finché siete in tempo.

5. “Monte” di Amir Naderi

Un regista iraniano eccezionale e ossessivo, una coppia di attori (Andrea Sartoretti-Claudia Potenza), che hanno talento e incoscienza. Una montagna, un uomo e un martello. Monte non è un film facile, ma è bellissimo.

La classifica completa è stata pubblicata su Rolling Stone di gennaio.
Puoi leggere l’edizione digitale della rivista,
basta cliccare sulle icone che trovi qui sotto.
rolling-appstorerolling-googleplay

Leggi anche