Home Cinema News Cinema

I lavori sporchi di Chef Rubio

Su Dmax la nuova sfida di Rubio in giro per l'Italia, lontano dai fornelli. Alla scoperta di quei lavori importanti che nessuno vuole più fare

Cosa hanno in comune gli spazzacamini con gli scaricatori di porto? Oppure i netturbini con chi pulisce i canali di Venezia? O, ancora, chi si sveglia all’alba per allestire il mercato o chi arriva in cima ai grattacieli, appeso a qualche cavo per pulire i vetri? All’apparenza niente, se non il fatto che svolgono tutti lavori duri, non esattamente la professione che i bambini sognano di fare “da grandi”.

Ma se c’è un uomo che vuole provare a indossare tutti questi panni, questo è Chef Rubio. È lui il protagonista della nuova serie targata DMax (canale 52 del digitale terrestre, su Sky Canale 136, 137 e Tivùsat canale 28, oltre che su Dplay) intitolata proprio È uno sporco lavoro.

Foto di Gabriele Rubini

La serie, realizzata da Dry Media, sarà composta da sei episodi che accompagneranno Rubio in giro per l’Italia, impegnato in una serie di mestieri che non conoscono tregua. La celebrazione di quella che è la vera spina dorsale dell’Italia, tra pericoli e scomodità. In Sardegna, Rubio si perderà tra gli scaricatori del porto di Cagliari, per poi ritrovarsi a lavorare nell’ovile tra le pecore di Daniele. In Emila Romagna, farà lo spazzacamino a Bologna e andrà sui monti a produrre Parmigiano Reggiano tra i caseifici della zona. A Milano sarà dall’altra parte del bancone, a vendere – e non a comprare – il pesce fresco nei mercati cittadini all’alba, e poi a pulire le strade della città e i vetri dei grattacieli più moderni.

Finirà poi nelle cave per l’estrazione del porfido in Trentino Alto Adige, a mettere in sicurezza le rocce di Limone sul Garda, in provincia di Brescia; passerà ad Amalfi e sulla Costiera, tra i pescatori e gli addetti alla colatura delle alici, e a Napoli a disinfestare e derattizzare i vicoli della città. Risalirà poi fino a Venezia, dove pulirà e si occuperà della manutenzione dei canali e raccoglierà le esche vive.

Un giro atipico per l’Italia nascosta, con Chef Rubio che, come al solito, non si tirerà indietro neanche nelle sfide più complicate e impegnative. Le sei puntate andranno in onda tra maggio e giugno, con il primo appuntamento fissato proprio per la Festa del lavoro, il 1° maggio, in prima serata.

Una vera celebrazione del lavoro italiano, con alcune professioni che si stanno perdendo nel tempo e altre che stanno, invece, evolvendo in maniera unica e inaspettata. A mettere tutti d’accordo ci penserà Rubio che, soprattutto lontano dalla cucina, non ha mai paura di sporcarsi le mani.

Leggi anche