Home Cinema News Cinema

‘Harry Potter’ torna al cinema in Cina per riportare gli spettatori in sala

Il primo capitolo della saga dovrebbe uscire alla fine di aprile

Rupert Grint (Ron) e Daniel Radcliff (Harry) nel primo film della saga

Foto: Warner Bros.

Contro il coronavirus ci vuole la magia. Harry Potter tornerà al cinema come misura per riportare gli spettatori in sala. Succede in Cina, dove molte strutture si preparano a riaprire, ma sanno già di doversela vedere con platee che rischiano di restare inevitabilmente vuote. Harry Potter e la pietra filosofale uscirà dunque restaurato in 4K e in una nuova versione 3D, per attirare il pubblico cinese.

Lo ha annunciato Warner Bros., che ha diffuso la notizia insieme a un poster inedito: raffigura il maghetto mentre riceve la “strillettera” accanto alla civetta Hedwig, accompagnato dal claim “La magia sta arrivando”. La data d’uscita del film non è ancora certa, ma sul sito di vendita di biglietti online Maoyan il primo giorno disponibile è il 30 aprile.

I fan cinesi della saga hanno già dimostrato il loro entusiasmo via social. «È vero?!?», ha scritto un “potteriano” incredulo sulla piattaforma Weibo. «Fate uscire i film tutti insieme!».

Il primo film della saga tratta dal ciclo di romanzi di J.K. Rowling si prepara a superare se stesso sul mercato locale. Harry Potter e la pietra filosofale, al suo debutto nel 2002, incassò il misero equivalente di 7.8 milioni di dollari. Ma, negli anni successivi, la saga ha raccolto un numero sempre maggiore di affezionati. Tanto che Animali fantastici e dove trovarli ha registrato al botteghino cinese un incasso totale di 86 milioni di dollari.

Leggi anche