Home Cinema News Cinema

Gabriele Salvatores farà un documentario sull’Italia in quarantena

Si intitolerà ‘Viaggio in Italia’ e sarà composto da materiali “girati in casa” raccolti in queste settimane di isolamento

Gabriele Salvatores sul set de 'Il ragazzo invisibile – Seconda generazione'. Credit: Emanuela Scarpa

Gabriele Salvatores sul set de 'Il ragazzo invisibile – Seconda generazione'.

Credit: Emanuela Scarpa

Gabriele Salvatores firmerà un documentario sull’Italia ai tempi del coronavirus. Si intitolerà Viaggio in Italia e sarà prodotto da Indiana Production insieme a Rai Cinema. L’intenzione è quella di realizzare un ritratto dell’esperienza che stiamo vivendo, restituendo le varie voci di tutto il Paese attraverso contributi “fai da te”.

Salvatores, come tutti noi, è chiuso nella sua casa di Milano. Per questo, il suo documentario nascerà in modo non convenzionale: raccogliendo via social e mezzi di comunicazione tradizionali materiali “girati rigorosamente in casa”, che raccontino le esperienze e le emozioni di queste settimane, da quando l’epidemia in Cina sembrava una cosa lontana all’isolamento a cui siamo stati tutti costretti. Da come si passa il proprio tempo a quello che vediamo dalle nostre finestre, fino alle riflessioni e alle paure che accompagnano la quarantena.

L’operazione sembra quasi un’evoluzione di uno dei precedenti lavori del regista premio Oscar per Mediterraneo, vale a dire il documentario Italy in a Day del 2014, una giornata-tipo nel nostro Paese narrata attraverso i filmati inviati da centinaia di persone comuni. Un team di redattori e di montatori, guidati dallo storico collaboratore di Salvatores Massimo Fiocchi, raccoglierà tutti i materiali, tra inediti e già esistenti, per realizzare insieme al regista il montaggio finale di Viaggio in Italia.

L’appello per la raccolta dei diversi contributi partirà nei prossimi giorni sulle pagine Instagram @viaggioinitaliailfilm, @rai_cinema e @theindianaway, e il lavoro impegnerà tutto il team nel corso dei prossimi mesi. Del resto, ancora non sappiamo quando finirà questa quarantena.

Leggi anche