Home Cinema News Cinema

Francis Ford Coppola: «I film della Marvel sono spregevoli»

Dopo le dichiarazioni polemiche di Martin Scorsese, un'altra icona del cinema se la prende con Iron Man e soci

Francis Ford Coppola

Foto di Kevin Winter/Getty Images

Durante un’intervista rilasciata all’inizio di ottobre, Martin Scorsese aveva parlato dell’universo Marvel rifiutandosi di includere i film di Iron Man e soci nella storia del cinema, e paragonando le pellicole a “parchi tematici”. Il regista, inoltre, aveva invitato i proprietari dei cinema a preferire i “film narrativi” ai blockbuster con i supereroi che, secondo Scorsese, starebbero invadendo le sale. Ora, a poche settimane di distanza da quelle dichiarazioni, un’altra icona del cinema ha espresso pareri negativi contro i vari Avengers, Thor e Spider Man.

Infatti, stando a quanto riportato da France 24, durante l’assegnazione del Prix Lumière andata in scena a Lione durante il weekend, Francis Ford Coppola ha ribadito il suo sostegno alle parole del collega, definendo i film Marvel inutili, ripetitivi e “spregevoli”. «Martin Scorsese aveva ragione quando ha detto che i film della Marvel non appartengono al cinema, perché dal cinema ci aspettiamo di imparare qualcosa, di ricevere un po’ di illuminazione, un po’ di conoscenza, un po ‘di ispirazione», ha detto il regista del Padrino. «Non conosco nessuno che abbia ottenuto niente di tutto questo guardando in continuazione lo stesso film», ha aggiunto.

«Martin è stato gentile quando ha detto che quei film non fanno parte del cinema. Non ha detto che sono spregevoli, cosa che io invece penso», ha continuato Coppola.

Dopo le parole di Scorsese e Coppola, non si è fatta attendere la risposta di James Gunn, regista di Guardiani della Galassia e di Suicide Squad, che tramite i social ha ricordato come in passato anche i film di gangster – di cui Coppola e Scorsese sono simboli indiscussi – fossero denigrati dalle generazioni precedenti.

Visualizza questo post su Instagram

Many of our grandfathers thought all gangster movies were the same, often calling them “despicable”. Some of our great grandfathers thought the same of westerns, and believed the films of John Ford, Sam Peckinpah, and Sergio Leone were all exactly the same. I remember a great uncle to whom I was raving about Star Wars. He responded by saying, “I saw that when it was called 2001, and, boy, was it boring!” Superheroes are simply today’s gangsters/cowboys/outer space adventurers. Some superhero films are awful, some are beautiful. Like westerns and gangster movies (and before that, just MOVIES), not everyone will be able to appreciate them, even some geniuses. And that’s okay. ❤️

Un post condiviso da James Gunn (@jamesgunn) in data:

Leggi anche