Emmy Awards, chi vincerà? | Rolling Stone Italia
Home Cinema News Cinema

Emmy Awards, chi vincerà?

Le nostre previsioni sugli Oscar della tv

westworld

La notte degli Oscar della tv numero 69 sta arrivando. Il 17 settembre l’Academy of Television Arts & Sciences assegnerà le sue statuette nella cerimonia condotta da Steven Colbert, che di Emmy nella sua carriera se n’è aggiudicati già nove. E visto che Game of Thrones quest’anno è fuori dai giochi (per questioni di tempistica di messa in onda) la partita è davvero aperta, considerando anche che i giurati spesso hanno sorpreso e fatto discutere con le loro scelte. Intanto ai Creative Arts (la parte più tecnico-artistica dei premi che è già stata assegnata) Westworld e Stranger Things hanno conquistato cinque riconoscimenti ciascuno: la seconda si è portata anche quello per il miglior cast di un drama. Ma prima di iniziare con le nostre previsioni, cara Academy, una domanda (anzi, chiamiamola con il suo nome – polemica): vi sembreremo troppo patriottici ma… The Young Pope? Possibile che non sia stato considerato in nessuna categoria? Lenny Belardo non sarà contento.

Best Drama
Better Call Saul
The Crown
The Handmaid’s Tale
House of Cards
Stranger Things
This Is Us
Westworld

La premessa d’obbligo è che tutti questi drama spaccano, per motivi diversi, ma spaccano. Nel nuovo mondo quasi orfano di Game of Thrones noi puntiamo su Westworld (22 nomination), che nasce proprio da HBO per riempire il vuoto dopo che l’inverno se ne sarà andato (sigh!). L’altro, altrettanto popolare contendente è Stranger Things (18 candidature), che dopo una sola serie è già riuscito a diventare un fenomeno di costume (W gli Eighties). Ma attenzione anche all’inquietante distopia di The Handmaid’s Tale. Chi meriterebbe ma probabilmente non vincerà? La terza stagione di Better Call Saul è una bomba. E tra i non-nominati avremmo fatto il tifo per il disagio di Mr. Robot.

Best Comedy
Atlanta
Black-ish
Master of None
Modern Family
Silicon Valley
Unbreakable Kimmy Schmidt
Veep

Atlanta tutta la vita: la creatura di Donald Glover è piccolo gioiello. Ma si sa, Veep vince ininterrottamente miglior comedy o miglior attrice con Julia Louis-Dreyfus (o entrambi) dal 2012: in tempi di Trump trionferà ancora una volta la politica tutta da ridere? Master of None spunta come terzo incomodo. Il nostro outsider? Senza dubbio Girls.

Best Limited Series
Big Little Lies
Fargo
Feud: Bette and Joan
Genius
The Night Of

Il cuore dice Fargo (l’adorazione nostra e del creatore Noah Hawley per quei geniacci dei fratelli Coen non ha confini) ma la mente premierebbe l’operazione Big Little Lies (che ai Creative ha già vinto miglior cast in una limited). E visto il numero di superstar in quota alla serie (Nicole Kidman, Reese Witherspoon, Shailene Woodley, Laura Dern) ci sembra la scelta più probabile. Ma non ci dimentichiamo di Feud: Bette & Joan, prima stagione della serie antologica della FX e di Ryan Murphy, con 18 nomination, e del crudissimo The Night of.

Best Actor in a Drama
Sterling K. Brown, This Is Us
Anthony Hopkins, Westworld
Bob Odenkirk, Better Call Saul
Matthew Rhys, The Americans
Liev Schreiber, Ray Donovan
Kevin Spacey, House of Cards
Milo Ventimiglia, This Is Us

Partiamo dal fatto che Rami Malek, vincitore nel 2016 per Mr. Robot, quest’anno non è stato nemmeno nominato (perché?!). Riuscirà Bob Odenkirk, aka Saul a portarsi finalmente a casa il trofeo dopo la terza nomination? Sir Anthony Hopkins e Sterling K. Brown sono sulla rampa di lancio. E Spacey come si fa a non candidarlo?

Best Actress in a Drama
Viola Davis, How to Get Away with Murder
Claire Foy, The Crown
Elisabeth Moss, The Handmaid’s Tale
Keri Russell, The Americans
Evan Rachel Wood, Westworld
Robin Wright, House of Cards

Per noi le contendenti vere sono tre: Evan Rachel Wood e la sua performance tra umano e sovrumano, vero nucleo costitutivo di Westworld. Ma Claire Foy è perfetta nei panni della giovane Elisabetta II (e ha già vinto un Golden Globe per il ruolo) e Elisabeth Moss potente in quelli dell’ancella ribelle di The Handmaid’s Tale. Chi vince? La Moss. Chi adoriamo? La Wood.

Best Actor in a Comedy
Anthony Anderson, Black-ish
Aziz Ansari, Master of None
Zach Galifianakis, Baskets
Donald Glover, Atlanta
William H. Macy, Shameless
Jeffrey Tambor, Transparent

Dopo la doppietta negli ultimi due anni di Jeffrey Tambor, “solo, solo, solo” Earnest Marx, il manager discografico creato e interpretato da Donald Glover (già Golden Globe). Al limite potrebbe vedersela con Aziz Ansari di Master of None ma, secondo noi, non ha rivali.

Best Actress in a Comedy
Pamela Adlon, Better Things
Jane Fonda, Grace and Frankie
Allison Janney, Mom
Ellie Kemper, Unbreakable Kimmy Schmidt
Julia Louis-Dreyfus, Veep
Tracee Ellis Ross, Black-ish
Lily Tomlin, Grace and Frankie

Julia Louis-Dreyfus. Punto.

Best Actor, Limited Series/Movie
Carrie Coon, Fargo
Felicity Huffman, American Crime
Nicole Kidman, Big Little Lies
Jessica Lange, Feud: Bette and Joan
Susan Sarandon, Feud: Bette and Joan
Reese Witherspoon, Big Little Lies

Per noi la battaglia è tra Susan Sarandon e Nicole Kidman. E il seguito di Big Little Lies ci fa dire: Kidman!

Best Supporting Actor in a Drama
Jonathan Banks, Better Call Saul
David Harbour, Stranger Things
Ron Cephas Jones, This Is Us
Michael Kelly, House of Cards
John Lithgow, The Crown
Mandy Patinkin, Homeland
Jeffrey Wright, Westworld

Bravi Jeffrey Wright e Ron Cephas Jones, ma c’è qualcosa di meglio dello straordinario Winston Churchill di John Lithgow in The Crown? NO.

Best Supporting Actress in a Drama
Uzo Aduba, Orange Is the New Black
Millie Bobby Brown, Stranger Things
Ann Dowd, The Handmaid’s Tale
Chrissy Metz, This Is Us
Thandie Newton, Westworld
Samira Wiley, The Handmaid’s Tale

Tifiamo sfegatatamente per Mille Bobby Brown (ovvio), anche se Eleven se la dovrà vedere con la meravigliosa cattiva di The Handmaid’s Tale Ann Dowd e l’umanissima cyborg di Thandie Newton in Westworld.

Best Supporting Actor in a Comedy
Louie Anderson, Baskets
Alec Baldwin, Saturday Night Live
Tituss Burgess, Unbreakable Kimmy Schmidt
Ty Burrell, Modern Family
Tony Hale, Veep
Matt Walsh, Veep

In nomination non ci sono i ragazzi di Girls (a partire da Adam Driver) e nemmeno quelli di Atlanta, peccato. Noi scommettiamo sul Donald Trump di Alec Baldwin. Il Saturday Night Live, lo storico show comico targato NBC infatti ha già visto premiati ai Creative il miglior attore e attrice ospite: Dave Chappelle, presentatore, e Melissa McCarthy, esilarante ex segretario della Casa Bianca Sean Spicer.

Best Supporting Actress in a Comedy
Vanessa Bayer, Saturday Night Live
Anna Chlumsky, Veep
Kathryn Hahn, Transparent
Leslie Jones, Saturday Night Live
Judith Light, Transparent
Kate McKinnon, Saturday Night Live

Le nostre previsioni anche in questo caso premiano il Saturday Night Live con Kate McKinnon che canta Hallelujah nei panni di Hillary Clinton.

Best Supporting Actor, Limited Series/Movie
Bill Camp, The Night Of
Alfred Molina, Feud: Bette and Joan
Alexander Skarsgård, Big Little Lies
David Thewlis, Fargo
Stanley Tucci, Feud: Bette and Joan
Michael K. Williams, The Night Of

Alfred Molina che impersona Robert Aldrich in Feud: Bette & Joan merita ma noi sceglieremmo il villain di David Thewlis nella terza stagione di Fargo.

Best Supporting Actress, Limited Series/Movie
Judy Davis, Feud: Bette and Joan
Laura Dern, Big Little Lies
Jackie Hoffman, Feud: Bette and Joan
Regina King, American Crime
Michelle Pfeiffer, The Wizard of Lies
Shailene Woodley, Big Little Lies

E anche in questa categoria abbiamo pochi dubbi: Laura Dern. La sua Renata Klein è il miglior personaggio di Big Little Lies.

Altre notizie su:  previsioni