Home Cinema News Cinema

Emmy Awards 2015: chi dovrebbe vincere secondo noi

Questa notte ci saranno i premi per la tv. Abbiamo espresso le nostre preferenze, che probabilmente non porteranno a casa la statuetta

È il weekend degli Emmy awards. Fonte: Facebook

È il weekend degli Emmy awards. Fonte: Facebook

Sembra impossibile, ma in questi anni, in cui ci sono più ottimi show di quanti uno ne potrebbe mai guardare nella sua vita, i premi per la televisione sono più importanti che mai. Questa sera, i 67esimi Emmy Awards possono servire a capire quanto si sia ampliato il panorama televisivo, tra televisione normale, trasmissioni satellitari, pay tv e streaming web. Tutti fattori che rendono i confini e le barriere meno definite. Vinceranno i favoriti? Ci saranno delle sorprese? E, soprattutto, Mad Men spazzerà via la concorrenza nel suo ultimo anno di vita?

Qui sotto le nostre preferenze per le principali categorie degli Emmy: è la nostra wishlist, quindi non ci aspettiamo sinceramente di tornare a casa con dei premi.

Best Drama

Anche il servizio da tè si può portare a casa. Fonte: Facebook

Fonte: Facebook

Le Nomination:
Better Call Saul
Downton Abbey
Il Trono di Spade
Homeland
House of Cards
Mad Men
Orange Is the New Black

Non fate caso agli scettici: Mad Men è dei cinque migliori show televisivi di tutti i tempi e merita il trofeo per i suoi episodi finali, un malinconico commiato. Detto questo, nessuna serie tv è più forte in assoluto di Il Trono di Spade, ma dovrà aspettare che spariscano i suoi concorrenti (Breaking Bad prima, Mad Men ora) per poter finalmente festeggiare.

Best Comedy

Fonte: Facebook

Fonte: Facebook

Le Nomination:
Louie
Modern Family
Parks and Recreation
Silicon Valley
Transparent
Unbreakable Kimmy Schmidt
Veep

Al pari di Girls e Orange Is the New Black, Transparent espande la tavolozza emotiva del genere sitcom. Se vogliamo intendere l’Emmy come un premio destinato a chi dovremmo valorizzare di più, piuttosto che qualcosa da consegnare a chi è impeccabile e perfetto, allora abbiamo trovato il nostro vincitore.

Best Actor in a Drama

Fonte: Facebook

Fonte: Facebook

Le Nomination:
Kyle Chandler, Bloodline
Jeff Daniels, The Newsroom
Jon Hamm, Mad Men
Bob Odenkirk, Better Call Saul
Liev Schreiber, Ray Donovan
Kevin Spacey, House of Cards

Dai, ragazzi. Jon Hamm. Fine.

Best Actress in a Drama

Fonte: Facebook

Fonte: Facebook

Le Nomination:
Claire Danes, Homeland
Viola Davis, Le regole del delitto perfetto
Taraji P. Henson, Empire
Tatiana Malsany, Orphan Black
Elisabeth Moss, Mad Men
Robin Wright, House of Cards

In un mondo ideale, il mantello della Moss sarebbe già stato coperto di statuette negli anni passati, e Taraji P. Henson dovrebbe portarsi a casa il trofeo che si è guadagnata con la sua Cookie in Empire. Quel ruolo poteva essere un pasticcio completo in mani meno sapienti, ma la sapiente interpretazione della Hanson l’ha trasformata in un Tyrion Lannister dell’impero dei Lyon, dal carattere umano. E parecchio comico.

Best Actor in a Comedy

maura transparent

Le Nomination:
Anthony Anderson, Black-ish
Louis C.K., Louie
Don Cheadle, House of Lies
Will Forte, The Last Man on Earth
Matt LeBlanc, Episodes
William H. Macy, Shameless
Jeffrey Tambor, Transparent

Jeffrey Tambor ha portato il suo ruolo di transessuale parecchio oltre il classico “Hey, guardatemi, sto interpretando una minoranza”, che magari gli sarebbe valso un award. Verso un territorio che parecchi attori non hanno nemmeno sfiorato.

Best Actress in a Comedy

Fonte: Facebook

Fonte: Facebook

Le Nomination:
Edie Falco, Nurse Jackie
Lisa Kudrow, The Comeback
Julia Louis-Dreyfus, Veep
Amy Poehler, Parks and Recreation
Amy Schumer, Inside Amy Schumer
Lily Tomlin, Grace and Frankie

Lisa Kudrow ha mescolato strati di finzione, di vita reale, commedia, dramma, televisione di alta qualità e realtà thrash per creare il suo personaggio di Valerie Cherish nella miracolosa seconda stagione di The Comeback. Con il suo lavoro ha dato un volto umano a una delle rappresentazioni più dure riguardo il sessismo di Hollywood. Forse non riuscirà a portata a casa un Emmy, ma sicuramente si è già presa la nostra gratitudine.