Home Cinema News Cinema

Elton John: “Gli studios volevano ridurre sesso e droga in ‘Rocketman'”

L'obiettivo, come ha raccontato in un articolo la star, era che il film non fosse vietato ai minori di 13 anni. "Ma io non ho vissuto una vita adatta ai minori di 13 anni", ha commentato John

Elton John e Taron Egerton al photocall di 'Rocketman' a Cannes

Foto: Gareth Cattermole/Getty Images

Elton John ha raccontato il lungo percorso per portare Rocketman sul grande schermo in un articolo scritto per il Guardian. “Guardare qualcun altro che interpreta te, vedere cose che ricordi accadere di nuovo davanti ai tuoi occhi, è davvero molto strano, sconvolgente, è come fare un sogno incredibilmente vivido. La storia di come sono finito al cinema, piangendo alla vista della mia famiglia 60 anni fa, è lunga e complicata. E inizia, naturalmente, con una donna transgender nuda con scintille che volano fuori dalla sua vagina”.

John, poi, ha dato merito alla modella e artista Amanda Lepore – che compariva nei corti diretti da David LaChapelle per la residency di Las Vegas di John – per aver acceso l’interesse del cantante nel fare un film sulla sua vita. “Se avessi intenzione di fare un lungometraggio su di me, quello sarebbe il modo giusto di farlo”, ha scritto Elton.

John – che rivela di aver rifiutato il ruolo di Harold nel classico Harold e Maude di Hal Ashby nel 1971 – ha poi descritto il difficile processo dietro le quinte per ottenere l’ok per Rocketman, con registi come LaChapelle e attori come Tom Hardy e Justin Timberlake interessati al film.

“Gli studios volevano ridurre le scene di sesso e droga, così che il film non fosse vietato ai minori di 13 anni. Ma io non ho vissuto una vita adatta ai minori di 13 anni”, ha scritto John. “Non volevo nemmeno un film strabordante di sesso e droghe, ma che fosse equo nel gestirli.Tutti sanno che ho avuto un bel po’ di entrambi durante gli anni ’70 e ’80, quindi non aveva senso suggerire che dopo ogni concerto tornassi tranquillamente nel mio albergo con un bicchiere di latte caldo e la Bibbia a farmi compagnia”.

Alla fine, Rocketman ha trovato il suo Elton John nell’attore Taron Egerton. “Ho dato i miei diari a Taron da leggere quando ha avuto il ruolo”, ha scritto John. “È venuto a casa mia, abbiamo mangiato curry da asporto e chiacchierato, e gli ho permesso di vederli. Sapevo che Taron era l’uomo giusto quando l’ho sentito cantare Don’t Let the Sun Go Down on Me, pensavo fosse davvero importante che chiunque mi interpretasse non usasse il lip-sync. E Taron aveva già cantato I’m Still Standing nel cartoon Sing“.

Oltre a portare la sua vita sul grande schermo in Rocketman, Elton John è anche impegnato a scrivere un libro di memorie dal titolo Me, che uscirà ad ottobre.

Leggi anche