È morto Peter Bogdanovich | Rolling Stone Italia
Home Cinema News Cinema

È morto Peter Bogdanovich

Con 'L'ultimo spettacolo' e 'Paper Moon' era diventato uno dei registi più importanti della New Hollywood degli anni '70. Aveva 82 anni

Peter Bogdanovich nel 1973

Foto: Evening Standard/Hulton Archive/Getty Images


Peter Bogdanovich, il celebre regista candidato all’Oscar dietro classici come L’ultimo spettacolo e Paper Moon nonché attore, è morto giovedì. Aveva 82 anni. La notizia è stata diffusa da Hollywood Reporter. La figlia di Bogdanovich, Antonia, ha confermato, spiegando che il regista se n’è andato per cause naturali.

Bogdanovich ha iniziato la sua carriera come critico cinematografico e reporter prima di incontrare Roger Corman, che era stato così colpito da alcuni dei suoi lavori da arruolarlo per aiutarlo in alcuni dei suoi film. Nonostante questo percorso apparentemente non convenzionale nell’industria cinematografica, il successo arrivò rapidamente per Bogdanovich: ottenne elogi per il suo primo film, il thriller del 1968 Bersagli, e il successivo, L’ultimo spettacolo, ottenne otto nomination all’Oscar (tra cui miglior regista e miglior sceneggiatura non originale) e rimane probabilmente il suo film più personale e celebre.

La carriera stellare del regista è continuata l’anno successivo con Ma papà ti manda sola?, commedia romantica di grande successo con Barbra Streisand – in un personaggio così modellato su Bugs Bunny da mangiare una carota nella sua prima scena – e Ryan O’Neal. O’Neal ha recitato anche nel film successivo di Bogdanovich, la dramedy Paper Moon – Luna di carta, in cui lui e sua figlia nella vita reale, Tatum O’Neal, interpretano una coppia padre-figlia (Tatum ha poi vinto un Oscar per la sua performance all’età di 10 anni).

Ma il resto della carriera di Bogdanovich sarebbe stato tumultuoso, segnato da grandi flop e tragedie personali. Nel 1980 Dorothy Stratten – attrice e playmate di Playboy con la quale Bogdanovich aveva iniziato una relazione mentre la dirigeva nella commedia romantica … e tutti risero – fu assassinata dal marito, Paul Snider, che poi si suicidò. Anche se Bogdanovich è riuscito a distribuire autonomamente … e tutti risero nel 1981, il film è andato male. Tre anni dopo ha pubblicato un libro, The Killing of the Unicorn: Dorothy Stratten 1960-1980, profondamente critico nei confronti di Playboy e Hugh Hefner, che incolpava della morta di Stratten.

«L’ho distrutto», ha detto Bogdanovich di Hefner in un’intervista per Vulture del 2019. «Ho distrutto Playboy, che, tra l’altro, era un mito. La cosiddetta rivoluzione sessuale della fine degli anni ’50 e ’60 era solo un altro modo per rendere più facile per i ragazzi scopare. Il femminismo non c’entrava. Era solo un altro modo per scopare più velocemente».

Bogdanovich è nato a Kingston, New York, nel 1939 e si è innamorato del cinema in tenera età. Da adolescente ha studiato recitazione, ma alla fine ha deciso che avrebbe preferito dirigere. Il suo primo lavoro è stato nel teatro, ma Bogdanovich ha mantenuto il suo amore per i film nelle recensioni e nelle interviste che ha scritto per Esquire tra la fine degli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60. Dopo essersi trasferito a Hollywood e aver incontrato Corman, il produttore lo ha scelto per aiutarlo nel bikexploitation con Peter Fonda del 1966 I selvaggi; Bogdanovich ha riscritto la sceneggiatura e diretto la fine del film, che è diventato uno dei maggiori successi al botteghino di Corman all’epoca.

Bersagli – ispirato alla sparatoria di massa di Charles Whitman all’Università del Texas nell’agosto 1966 – segue nel 1968 (nello stesso anno Bogdanovich ha diretto un altro film, Voyage to the Planet of Prehistoric Women, sotto lo pseudonimo di Derek Thomas). Con il successo del film e il sostegno di Corman, Bogdanovich avrebbe potuto facilmente fare carriera in film di questo genere, ma come ha spiegato a The Dissolve nel 2013: «Non ho mai fatto un altro film simile. Ho pensato che avrei girato una serie di titoli come questo, perché è andato abbastanza bene da pensare che sarebbe stato il tipo di film che avrei fatto. Ma poi ho letto il romanzo di Larry McMurtry, L’ultimo spettacolo, e mi sono innamorato dell’idea di adattarlo, principalmente perché non sapevo come. Mi metto sempre alla prova quando non so come fare qualcosa. Immagino: “Ci dev’essere un modo”. E L’ultimo spettacolo ha davvero plasmato la mia carriera».

Mentre i primi anni ’70 sono stati probabilmente il periodo di massimo splendore di Bogdanovich, la sua fortuna è cambiata a metà del decennio con titoli come Daisy Miller, Finalmente arrivò l’amore e Vecchia America – Nickelodeon. Dopo alcuni anni di assenza, è tornato con la commedia poliziesca del 1979 Saint Jack, che ha ottenuto grandi elogi, ma non è riuscita ad andare altrettanto bene al botteghino. Più o meno nello stesso periodo, anche la lunga relazione di Bogdanovich con Cybill Shepherd – iniziata quando lui la diresse in L’ultimo spettacolo – finì, e la tragica morte di Stratten seguì poco dopo.

Dopo aver pubblicato The Killing of the Unicorn, Bogdanovich è tornato al cinema con il film drammatico del 1985 Mask – Dietro la maschera, interpretato da Cher. Nel 1990 ha pubblicato un sequel di L’ultimo spettacolo, Texasville, ma il film non ha avuto lo stesso successo del primo. Dopo Quella cosa chiamata amore del 1993, Bogdanovich si è preso un’altra lunga pausa dal cinema prima di tornare nel 2001 con Hollywood Confidential (The Cat’s Meow). L’ultimo film che ha diretto e sceneggiato è stato Tutto può accadere a Broadway, del 2014. Dopo aver realizzato un documentario sul regista John Ford all’inizio della sua carriera, Bogdanovich è tornato al genere più tardi, dirigendone uno su Tom Petty nel 2007, Runnin’ Down a Dream, e un altro nel 2018 su Buster Keaton, The Great Buster: A Celebration.

Insieme alla miriade di crediti per la regia e la scrittura, Bogdanovich ha svolto anche un sacco di lavoro davanti alla macchina da presa. A partire dagli anni ’90 ha ottenuto ruoli in serie come Northern Exposure e nel primo film di Noah Baumbach, Mr. Jealousy. Il più famoso è la parte nei Soprano nei panni del dottor Elliot Kupferberg, il terapista del terapista di Tony Soprano, il dottor Melfi.

Da Rolling Stone USA

Altre notizie su:  Peter Bogdanovich