È morto George Hilton, icona del western all’italiana | Rolling Stone Italia
Home Cinema News Cinema

È morto George Hilton, icona del western all’italiana

Nato 85 anni fa in Uruguay, è stato Tresette e Alleluja, Sartana e il Passatore e altri grandi sparatori del genere cult. Ha recitato anche commedie assieme a Franco e Ciccio e Edvige Fenech e numerosi gialli e poliziotteschi

È morto a Roma, città in cui viveva da una cinquantina d’anni George Hilton, uno dei volti più popolari del western all’italiana, protagonista di decine di pellicole tra gli anni ’60 e ’70. Era nato a Montevideo, in Uruguay, il suo vero nome era Jorge Hill Acosta y Lara e aveva 85 anni. Dopo gli esordi a teatro nel suo Paese, era arrivato in Italia nel 1964, dove trovò presto dei ruoli importanti in un’industria cinematografica in fermento. Inizia con le pellicole di avventura, poi passa alla comicità al fianco di Franco e Ciccio in Due mafiosi contro Goldginger.

Nella seconda parte degli anni ’60 il suo nome e il suo volto da duro iniziano a essere indissolubilmente legati al genere western. Interpreta personaggi di sparatori poi divenuti iconici – da Tresette a Alleluja, da Sartana al Passatore – e gira innumerevoli film: tra i più famosi Le colt cantarono le morte e fu… Tempo di massacro, La più grande rapina del west, T’ammazzo raccomandati a Dio, Uno di più all’inferno, Poker di pistole, C’è Sartana, vendi la pistola e… comprati la bara! e tanti altri. Titoli che magari fanno sorridere, ma veri culti per migliaia di appassionati.

Negli anni successivi la sua produzione non si ferma, alterna qualche residuo western con gialli e poliziotteschi e persino una commedia sexy Edvige Fenech (Taxi Girl). Negli ultimi anni ha preso parte ad alcuni cinepanettoni e altri film comici.