Daniel Radcliffe accusa Hollywood di razzismo | Rolling Stone Italia
Home Cinema News Cinema

Daniel Radcliffe accusa Hollywood di razzismo

Radcliffe ha definito "ancora troppo arretrata" l'industria cinematografica, mentre ha negato che nei prossimi anni rivestirà i panni di Harry Potter

Daniel Radcliffe nel nuovo biopic "The Gamechangers"

Daniel Radcliffe nel nuovo biopic "The Gamechangers"

La star di Harry Potter Daniel Radcliffe, durante un’intervista per la televisione britannica, è voluto ritornare sulle polemiche scatenatesi lo scorso febbraio in seguito alle nomination per gli Oscar, esplose a causa della mancata presenza di attori di colore nella lista dei candidati al premio.
La cerimonia di premiazione fu boicottata da numerosi personaggi di spicco, tra cui Dustin Hoffman e il regista Spike Lee, mentre fuori dal Chinese Theatre decine di manifestanti accusavano di razzismo l’industria cinematografica.

«Ci piace pensare di far parte di un mondo liberale che in realtà è ancora molto arretrato – ha affermato Radcliffe – il razzismo di Hollywood è innegabile».
L’ex maghetto del cinema ha aggiunto quanto sia difficile per gli attori omosessuali fare coming out dato che, crede, “gli verrebbero offerti solamente ruoli gay”.
L’attore si è detto anche molto preoccupato dell’ascesa politica di Donald Trump, e ha confessato di sentirsi “spaventato e schifato”.

Radcliffe, fresco del successo di Imperium, in cui recita nei panni dell’agente FBI Micheal German – che trascorse anni sotto copertura all’interno di un gruppo neonazista – ha anche voluto commentare i rumors che lo vorrebbero protagonista dell’eventuale trasposizione cinematografica dell’opera teatrale Harry Potter and the Cursed Child, andata in scena in anteprima sul palco del Palace Theatre di Londra il 7 giugno scorso: «Nessuno me lo ha chiesto e non penso che a questo punto della mia carriera farei un altro Harry Potter; sono passati sei anni dall’ultimo film della saga e sono molto felice di esser riuscito a recitare molte altre parti».
«Forse fra 30 anni – ha aggiunto Radcliffe – potrei pensarla diversamente; se facessero un remake potrei interpretare il padre di Harry o qualcosa del genere».

Altre notizie su:  harry potter