Cosa sta succedendo a Whoopi Goldberg dopo le frasi sull’Olocausto | Rolling Stone Italia
Home Cinema News Cinema

Cosa sta succedendo a Whoopi Goldberg dopo le frasi sull’Olocausto

La linea “inclusiva” della ABC non fa sconti: l’attrice di ‘Sister Act’ è stata sospesa per alcune affermazioni poco felici sul genocidio messo in atto dai nazisti sugli ebrei

Whoopi Goldberg in ‘The Stand’

Foto: CBS

È scoppiata una vera e propria bufera mediatica intorno all’attrice e co-conduttrice di The View, dopo le sue dichiarazioni sull’Olocausto nelle quali affermava che il genocidio ha riguardato «la crudeltà dell’uomo sull’uomo» e ha coinvolto «due gruppi di bianchi». Queste le frasi infelici che alla fine sono costate a Whoopi Goldberg due settimane di sospensione da parte della ABC.

«Commenti sbagliati e offensivi», ha chiarito l’emittente, che ha chiesto all’attrice afroamericana di «prendersi del tempo per riflettere e pensare all’impatto dei suoi commenti». A nulla sono servite le pubbliche scuse su Twitter subito dopo lo la trasmissione: «Sono dispiaciuta per il dolore causato».

In seguito, Goldberg ha provato a spiegare che cosa, in realtà, volesse sostenere rispetto alle frasi incriminate pronunciate sul genocidio messo in atto dai nazisti e dai loro alleati: «Avrei dovuto dire entrambe. Il popolo ebraico nel mondo ha sempre avuto il mio sostegno e questo non verrà mai meno. Sono dispiaciuta per il dolore causato».

Ma l’emittente non ci ha pensato due volte a toglierla dal video, tanto che è intervenuto direttamente il presidente, Kim Godwin: «Con effetto immediato, sospenderò Whoopi Goldberg per due settimane per i suoi commenti sbagliati e offensivi. L’intera organizzazione di ABC News è solidale con i nostri colleghi ebrei, amici, familiari e comunità. Queste decisioni non sono mai facili, ma necessarie».

In questo modo, il numero uno di ABC News ha ribadito la linea “inclusiva” della sua televisione: «Proprio la scorsa settimana ho notato che la cultura di ABC News è motivata, gentile, inclusiva, rispettosa e trasparente. I commenti di Whoopi non sono in linea con questi valori».

Dopo la sospensione, l’attrice ha provato ancora a chiarire il suo pensiero, ammettendo di «aver parlato male» durante lo show e confessando di essersi pentita: «La Shoah riguarda davvero la razza, perché Hitler e i nazisti consideravano gli ebrei una razza inferiore. Le parole contano e le mie non fanno eccezione. Mi pento dei miei commenti e sono dalla parte del popolo ebraico».

Altre notizie su:  Whoopi Goldberg