Home Cinema News Cinema

‘Bohemian Rhapsody’, Rami Malek racconta come è diventato Freddie Mercury

È andato a Londra da solo e si immerso nel mondo dei leader dei Queen. Ma anche i denti finti hanno fatto la loro parte.

“C’è un intrattenitore coraggioso e sfacciato sul palco. E poi c’è un essere umano solitario dietro le porte chiuse”. Nelle parole di Rami Malek, che lo interpreta nel biopic Bohemian Rhapsody, Freddie Mercury sotto tutti i fasti e le circostanze era soprattutto un individuo che stava facendo i conti con se stesso.

Come ci si prepara a impersonare uno dei più famosi (ed enigmatici) interpreti della storia? “È stata una sfida anche solo mettere in relazione chi era – cresciuto a Zanzibar e spedito a scuola a Bombay, e al suo ritorno a Zanzibar, fuggito da una rivoluzione con la sua famiglia a Londra. Quel tipo di infanzia è emblematico di qualcuno che vuole trovare la sua identità”, ha spiegato la star di Mr. Robot a Entertainment Weekly.

“Vorrei costantemente tornare alle sue interviste e performance solo per capire i diversi lati di lui”, ha detto Malek, che era così impegnato da volare a Londra per conto suo per delle ricerche prima che il film finisse. Lì si è immerso nel mondo di Freddie, leggendo biografie, guardando vecchi video e parlando con Roger Taylor e Brian May, che erano coinvolti nello sviluppo dall’inizio. “Ci hanno dato libertà creativa”, ha dichiarato sui Queen il produttore Graham King. “Volevo che fossero il più dentro possibile. Avevo bisogno della loro benedizione per la mia tranquillità personale”.

E quando Bohemian Rhapsody è finalmente andato in produzione, Malek, con i denti finti per l’overbite firma di Mercury, era pronto. “Nel momento in cui metti quei denti”, ha spiegato, “c’è un cambiamento molto viscerale nella performance. Quando li ho tolti alla fine del film, mi sentivo completamente nudo”.

Le voci sulla sceneggiatura in cui Freddie moriva a metà, il licenziamento del regista Bryan Singer quando non si è presentato al set le accuse ai produttori di non trattare adeguatamente la sessualità di Mercury. “Penso che sia un film molto equilibrato che mostra entrambi i lati della sua sessualità”, dice Graham. “Non gli manchiamo di rispetto”.

Nonostante le problematiche e le frustrazioni, il cast e i registi erano determinati a far funzionare le cose. “Posso dire con tutto il cuore che non lascerò mai questo film incompiuto”, ha affermato Malek a proposito del licenziamento di Singer. “Ogni momento in cui c’era una sfida sul set, mi sono chiesto: cosa farebbe Freddie? E lo garantisco, sarebbe arrivato fino in fondo”.

Leggi anche