BAFTA 2022, s’impone ‘Il potere del cane’: tutti i vincitori | Rolling Stone Italia
Home Cinema News Cinema

BAFTA 2022, s’impone ‘Il potere del cane’: tutti i vincitori

Agli ‘Oscar inglesi’ il post-western di Jane Campion conquista le statuette di miglior film e miglior regia. Il miglior attore è il ‘King Richard’ di Will Smith, la vera sorpresa è tra le attrici

Jesse Plemons e Kirsten Dunst in ‘Il potere del cane’ di Jane Campion

Foto: Netflix

The road to the Oscars per Jane Campion e Il potere del cane sta per giungere a destinazione. O così pare. Anche ai BAFTA, i cosiddetti Oscar inglesi nonché l’ultimo grande riconoscimento della Awards Season ad essere consegnato prima degli Academy Award (quest’anno “cadono” il prossimo 27 marzo), il titolo prodotto da Netflix e già Leone d’argento a Venezia 78 ha vinto come miglior film e miglior regia.

Tra le “conferme” anche la statuetta al miglior attore protagonista (Will Smith per Una famiglia vincente – King Richard) e quelle ai non protagonisti (Troy Kotsur per I segni del cuore – CODA e Ariana DeBose per West Side Story), mentre la vera sorpresa è tra le attrici protagoniste: l’inglese Joanna Scanlan di After Love batte candidate più celebri come Lady Gaga per House Gucci e Alana Haim per Licorice Pizza. Film per il quale il regista Paul Thomas Anderson ha invece vinto il BAFTA per la sceneggiatura originale.

Anche Paolo Sorrentino resta a bocca asciutta: il premio per il miglior film in lingua non inglese è andato al favoritissimo Drive My Car di Hamaguchi Ryūsuke.

Ecco la lista completa dei vincitori:

Miglior film
Belfast
Don’t Look Up
Dune
Licorice Pizza
Il potere del cane

Miglior film inglese
After Love
Ali & Ava
Belfast
Boiling Point
Cyrano
Due donne – Passing
House of Gucci
No Time to Die
Tutti parlano di Jamie
Ultima notte a Soho

Miglior debutto di un regista, sceneggiatore o produttore inglese
After Love – Aleem Khan (regista e sceneggiatore)
Boiling Point – James Cummings (sceneggiatore), Hester Ruoff (produttrice)
Due donne – Passing – Rebecca Hall (regista e sceneggiatrice)
The Harder They Fall – Jeymes Samuel (regista e sceneggiatore)
Keyboard Fantasies – Posy Dixon (regista e sceneggiatore), Liv Proctor (produttrice)

Miglior film in lingua non inglese
Drive My Car – Hamaguchi Ryūsuke
È stata la mano di Dio – Paolo Sorrentino
Madres paralelas – Pedro Almodóvar
La persona peggiore del mondo – Joachim Trier
Petite maman – Céline Sciamma

Miglior documentario
Jacques Cousteau – Il figlio dell’oceano – Liz Garbus
Cow – Andrea Arnold
Flee – Jonas Poher Rasmussen
The Rescue – Elizabeth Chai Vasarhelyi, Jimmy Chin
Summer of Soul – Questlove

Miglior film d’animazione
Encanto – Jared Bush, Byron Howard
Flee – Jonas Poher Rasmussen
Luca – Enrico Casarosa
I Mitchell contro le macchine – Mike Rianda

Miglior regista
Paul Thomas Anderson (Licorice Pizza)
Jane Campion (Il potere del cane)
Audrey Diwan (La scelta di Anne – L’événement)
Julia Ducournau (Titane)
Hamaguchi Ryūsuke (Drive My Car)
Aleem Khan (After Love)

Miglior sceneggiatura originale
Being the Ricardos – Aaron Sorkin
Belfast – Kenneth Branagh
Don’t Look Up – Adam Mckay
Una famiglia vincente – King Richard – Zach Baylin
Licorice Pizza – Paul Thomas Anderson

Miglior sceneggiatura non originale
Drive My Car – Hamaguchi Ryūsuke
Dune – Eric Roth, Jon Spaihts, Denis Villeneuve
La figlia oscura – Maggie Gyllenhaal
Il potere del cane – Jane Campion
I segni del cuore – CODA – Siân Heder

Miglior attrice protagonista
Alana Haim (Licorice Pizza)
Emilia Jones (I segni del cuore – CODA)
Lady Gaga (House of Gucci)
Renate Reinsve (La persona peggiore del mondo)
Joanna Scanlan (After Love)
Tessa Thompson (Due donne – Passing)

Miglior attore protagonista
Adeel Akhtar (Ali & Ava)
Mahershala Ali (Il canto del cigno)
Benedict Cumberbatch (Il potere del cane)
Leonardo DiCaprio (Don’t Look Up)
Stephen Graham (Boiling Point)
Will Smith (Una famiglia vincente – King Richard)

Miglior attrice non protagonista
Caitríona Balfe (Belfast)
Jessie Buckley (La figlia oscura)
Ariana DeBose (West Side Story)
Ann Dowd (Mass)
Aunjanue Ellis (Una famiglia vincente – King Richard)
Ruth Negga (Due donne – Passing)

Miglior attore non protagonista
Mike Faist (West Side Story)
Ciarán Hinds (Belfast)
Troy Kotsur (I segni del cuore – CODA)
Woody Norman (C’mon C’mon)
Jesse Plemons (Il potere del cane)
Kodi Smit-McPhee (Il potere del cane)

Miglior colonna sonora
Being the Ricardos – Daniel Pemberton
Don’t Look Up – Nicholas Britell
Dune – Hans Zimmer
The French Dispatch – Alexandre Desplat
Il potere del cane – Jonny Greenwood

Miglior casting
Boiling Point – Carolyn Mcleod
Dune – Francine Maisler
È stata la mano di Dio – Massimo Appolloni, Annamaria Sambucco
Una famiglia vincente – King Richard – Rich Delia, Avy Kaufman
West Side Story – Cindy Tolan

Miglior fotografia
Dune – Greig Fraser
La fiera delle illusioni – Nightmare Alley – Dan Laustsen
Macbeth – Bruno Delbonnel
No Time to Die – Linus Sandgren
Il potere del cane – Ari Wegner

Miglior montaggio
Belfast – Úna Ní Dhonghaíle
Dune – Joe Walker
Licorice Pizza – Andy Jurgensen
No Time to Die – Tom Cross, Elliot Graham
Summer of Soul – Joshua L. Pearson

Miglior scenografia
Cyrano – Sarah Greenwood, Katie Spencer
Dune– Patrice Vermette, Zsuzsanna Sipos
La fiera delle illusioni – Nightmare Alley – Tamara Deverell, Shane Vieau
The French Dispatch – Adam Stockhausen, Rena Deangelo
West Side Story – Adam Stockhausen, Rena Deangelo

Migliori costumi
Crudelia – Jenny Beavan
Cyrano – Massimo Cantini Parrini
Dune – Robert Morgan, Jacqueline West
La fiera delle illusioni – Nightmare Alley – Luis Sequeira
The French Dispatch – Milena Canonero

Make-up & hairstyling
Crudelia – Nadia Stacey, Naomi Donne
Cyrano – Alessandro Bertolazzi, Siân Miller
Dune – Love Larson, Donald Mowat
House of Gucci – Frederic Aspiras, Jane Carboni, Giuliano Mariana, Sarah Nicole Tanno
Gli occhi di Tammy Faye – Linda Dowds, Stephanie Ingram, Justin Raleigh

Miglior sonoro
Dune – Mac Ruth, Mark Mangini, Doug Hemphill, Theo Green, Ron Bartlett
No Time to Die – James Harrison, Simon Hayes, Paul Massey, Oliver Tarney, Mark Taylor
A Quiet Place II – Erik Aadahl, Michael Barosky, Brandon Proctor, Ethan Van Der Ryn
Ultima notte a Soho – Colin Nicolson, Julian Slater, Tim Cavagin, Dan Morgan
West Side Story – Brian Chumney, Tod Maitland, Andy Nelson, Gary Rydstrom

Migliori effetti visivi
Dune – Brian Connor, Paul Lambert, Tristan Myles, Gerd Nefzer
Free Guy – Swen Gillberg, Brian Grill, Nikos Kalaitzidis, Daniel Sudick
Ghostbusters: Legacy – Aharon Bourland, Sheena Duggal, Pier Lefebvre, Alessandro Ongaro
Matrix Resurrections – Tom Debenham, Hew J Evans, Dan Glass, J. D. Schwaim
No Time to Die – Mark Bokowski, Chris Corbould, Joel Green, Charlie Noble

Miglior cortometraggio d’animazione inglese
Affairs of the Art – Joanna Quinn, Les Mills
Do Not Feed the Pigeons – Jordi Morera
Night of the Living Dread – Ida Melum, Danielle Goff, Laura Jayne Tunbridge, Hannah Kelso

Miglior cortometraggio inglese
The Black Cop – Cherish Oteka
Femme – Sam H. Freeman, Ng Choon Ping, Sam Ritzenberg, Hayley Williams
The Palace – Jo Prichard
Stuffed – Theo Rhys, Joss Holden-rea
Three Meetings of the Extraordinary Committee – Michael Woodward, Max Barron, Daniel Wheldon

EE Rising Star Award (votato dal pubblico)
Ariana DeBose
Harris Dickinson
Lashana Lynch
Millicent Simmonds
Kodi Smit-McPhee