Home Cinema News Cinema

Anche J.K. Rowling avrebbe contratto il coronavirus

Pur non essendo stata sottoposta al test, l'autrice di Harry Potter ha sperimentato tutti i sintomi di COVID-19. Ma ora si è "completamente ripresa", come ha scritto su Twitter

J.K. Rowling alla première di 'Animali Fantastici e dove trovarli'

Foto: Ben Gabbe/Getty Images

Pare che anche J.K. Rowling abbia contratto il coronavirus, e ha deciso di raccontare la sua esperienza sui social: la scrittrice ha diffuso lunedì su Twitter la notizia che, sebbene non sia stata formalmente testata, nelle ultime due settimane ha sperimentato tutti i sintomi di COVID-19, inclusi i problemi respiratori.

La Rowling ha anche condiviso i consigli di un medico del Queens Hospital nel Regno Unito su come alleviarli. Il dottore, tramite un video di YouTube, suggerisce di fare due serie di cinque respiri profondi e, al sesto respiro, di fare una “grande tosse e coprirsi la bocca” per aprire la gola e i polmoni. Quindi, esorta gli spettatori a sdraiarsi a faccia in giù con un cuscino, facendo respiri profondi per 10 minuti. “Io sono completamente guarita e questa tecnica mi ha aiutato molto”, ha scritto Rowling.

In un altro tweet, la creatrice di di Harry Potter ha dichiarato di essersi “ripresa del tutto”: per questo desidera condividere il modo in cui ha affrontato la sua malattia gratuitamente e con la consulenza professionale di coloro che sono in prima linea.

Nei giorni scorsi Rowling ha lanciato Harry Potter At Home, una nuova sezione del suo sito Wizarding World, dedicata alle attività da fare da casa. «Genitori, insegnanti e assistenti che lavorano per far divertire e mantenere attivi i bambini mentre siamo in blocco potrebbero aver bisogno di un po’ di magia», ha detto Rowling al lancio. «Da oltre vent’anni Hogwarts è stata una via di fuga per tutti, per lettori e fan, giovani e meno giovani», hanno aggiunto gli organizzatori del sito.

Nel frattempo la produzione del terzo capitolo di Animali fantastici e dove trovarli, come molte altre, è stata rinviata a causa dell’epidemia.

Leggi anche