Home Cinema News Cinema

L’Italia sporca e luccicante di “1992” nelle vostre case dal 10 settembre. Ecco come

È stato trasmesso a marzo su Sky in contemporanea in Italia, Inghilterra, Germania, Irlanda e Austria. Ora è pronto per l'home video, in un cofanetto in edizione limitata

17 FEBBRAIO 1992. Mario Chiesa, socialista milanese, viene arrestato mentre incassa una tangente. Inizia Mani Pulite, la maxi inchiesta che ha sconvolto l’Italia e che la serie tv “1992” racconta per la prima volta attraverso le storie di 6 persone comuni. Il primo dei 10 episodi sarà trasmesso il 24 marzo su Sky.

17 FEBBRAIO 1992. Mario Chiesa, socialista milanese, viene arrestato mentre incassa una tangente. Inizia Mani Pulite, la maxi inchiesta che ha sconvolto l’Italia e che la serie tv “1992” racconta per la prima volta attraverso le storie di 6 persone comuni. Il primo dei 10 episodi sarà trasmesso il 24 marzo su Sky.

Dal 10 settembre la serie tv, ideata da Stefano Accorsi e diretta da Giuseppe Gagliardi, è disponibile in home video (in formato Blu-Ray e DVD). La serie Sky prodotta da Sky Atlantic e realizzata da Wildside in collaborazione con La7 e scritta da Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi e Stefano Sardo, racconta in 10 episodi l’inchiesta di Mani Pulite e i fatti che in quell’anno hanno sconvolto il nostro Paese.

Non vedete l’ora di avere tra le mani uno dei cofanetti da collezione a 3 dischi con contenuti speciali, tra cui: interviste al cast, immagini di backstage, clip esclusive e un sacco di altre cose?

Basta rispondere a questa domanda su 1992:

[contact-form-7 id=”281431″ title=”1992 Dvd”]

Stefano Accorsi invece, intervistato su Rolling Stone di marzo dal direttore Massimo Coppola, è davvero eccellente nel complicato ruolo di Leonardo Notte, un uomo malinconico e solitario, costretto dai “fatti” ad assecondare il ruolo di leader, spin doctor della nascente repubblica delle banane.

Tea Falco è stata scoperta da Bertolucci e consacrata da 1992. Ha posato per Rolling Stone nel servizio di moda pubblicato sul numero di aprile. E se si scatta un servizio fotografico per Rolling Stone (!) in un locale che si chiama Rock’n’Roll (!) e non c’è la musica, manco un cd scassato e polveroso dei Dire Straits, ci vuole il karma fascinoso di Tea Falco per aprire – con un touch sulla playlist del suo telefonino – i chakra dell’intervista, nata sotto lo spirito protettore di Michael J. Fox.