Home Cinema News Cinema

Springsteen, Oasis o Foo Fighters? I 10 migliori momenti musicali da David Letterman

Dalla riunione di Sonny e Cher alla follia dei Future Island, ecco le performance più memorabili di Dave durante i suoi 33 anni di Late Night Show

David Letterman con i Foo Fighter. Fonte: Facebook

David Letterman con i Foo Fighter. Fonte: Facebook

Quando David Letterman si ritirerà dalle scene questo mese, non solo sarà la fine di una delle più grandi istituzioni comiche della storia della tv; ma si chiuderanno anche le porte di uno showcase meraviglioso per i talenti musicali. Praticamente ogni episodio del Late Night with David Letterman della NBC e Late Show with David Letterman sulla CBS hanno ospitato guest musicali, oltre che essere il luogo dove tanti americani videro per la prima volta i R.E.M , i Weezer e i Future Islands. Abbiamo messo insieme 10 dei migliori momenti musicali presi dalla storia dello show, anche se la lista non è completa in quanto saremmo arrivati facilmente a 100, queste sono le performance su cui continuiamo a finire.

R.E.M. – So. Central Rain (1983) Per molti al di fuori di Athens, in Georgia, e fuori dalla scena del college rock ad inizio anni ’80, i R.E.M. erano una band decisamente sconosciuta. Eppure, hanno ricevuto un buzz sufficiente per guadagnarsi uno slot al Letterman il 6 ottobre 1983, suonando una prima versione di “So.Clean Rain (I’m Sorry)” presa dal loro secondo album Reckoning, che non uscì per i successivi sette mesi. Era la prima volta che la band suonava su una rete televisiva, e questo giocò un ruolo molto importante per aiutarli ad avere più pubblico.

Bob Dylan – Jokerman (1984) In un universo parallelo, Bob Dylan è andato in tour con la band new wave The Plugz durante il periodo Reagan dando una seconda vita alla sua carriera; tuttavia, nel nostro universo, hanno semplicemente suonato insieme per tre canzoni al Letterman nel 1984. È una vera tragedia, in quanto fino ad oggi è decisamente la migliore performance televisiva di Dylan, così come uno dei suoi singoli momenti migliori degli anni Ottanta. Quando andò in tour più tardi quello stesso anno, lascio che Bill Graham prendesse in mano la band e lui coinvolse Mick Taylor, Ian McLagan e altri esperti musicisti. Ragazzi ovviamente fantastici, ma hanno senza l’energia grezza dei The Plugz. Almeno avremo per sempre questo video.

Sonny & Cher – I Got You Babe (1987) Nel novembre del 1987, Sonny Bono era candidato sindaco di Palm Springs, e Cher stava promuovendo il suo nuovo film Moonstruck. I due divorziati andarono da Letterman insieme e furono obbligati a cantare I Got You, Babe con Paul Shaffer e la sua band. Non erano esattamente migliori amici in quel periodo, ma entrambi riuscirono a rendere quel momento indimenticabile per la televisione. Se Youtube fosse esistito a quel tempo, questo sarebbe stato di sicuro un video virale il mattino dopo. Risultò essere l’ultima volta che cantarono insieme, vista la scomparsa di Sonny nel gennaio 1998.

Bruce Springsteen – Glory Days (1993) David Letterman è stato il padrone di casa di questo programma sulla NBC per oltre 11 anni, e Bruce Springsteen non fece mai una sola apparizione – ma le cose cambiarono finalmente l’ultima sera di Letterman sulla rete del pavone (il logo della NBC). Fu la sera prima che Springsteen suonasse al Madison Square Garden, dopo aver passato l’ultimo anno on the road con la sua nuova band. Per questa versione di Glory Days si unì però a Paul Shaffer e la World’s Most Dangerous Band. Prima di iniziare, chiese a Shaffer se la sua tastiera potesse reggere il suo peso. Sicuramente, visto che il cantante saltò sullo strumento verso la fine della canzone. Per Dave, un modo per chiudere in bellezza i suoi anni di Late Night.

Oasis – Live Forever (1996) Gli Oasis stavano spopolando in tutta Europa a metà anni novanta, ma in America non avevano ancora preso piede. Tante band nella loro posizione aspettavano per un singolo che facesse il botto prima di attraversare l’Atlantico, ma Noel Gallagher e soci scelsero di viaggiare per il continente, suonando nei bar degli Stati Uniti quando avrebbero potuto suonare nelle arene inglesi. Fu una strategia intelligente che gli aiutò a costruire un ottimo audience del basso. L’8 Marzo 1995, fecero il loro debutto sulla tv americana suonando Live Forever al Letterman. «È bello incontrarvi», disse Letterman alla band. «Canzone fantastica!» e lo stava dicendo per conto di tante persone.

Foo Fighters – Everlong (2000) David Letterman è un grande fan dei Foo Fighters sin da quando suonarono nel 1995, e ha ripetuto più volte la sua passione per la loro canzone Everlong. Paul Shaffer e la CBD Orchestra l’hanno suonata più volte tra uno spot pubblicitario e l’altro. Quando il conduttore tornò in tv dopo il suo intervento al cuore nel 2000, fu una scelta azzeccata portare Dave Grohl e i ragazzi a suonarla per lui. «La mia band preferita che suona la mia canzone preferita», disse, «Signore e signori, i Foo Fighters!» Questo fu uno degli episodi più emozionanti della storia di Letterman, e i Foo colsero l’occasione, lasciando suonare a Paul un po’ di organo.

Warren Zevon – Roland The Headless Thompson Gunner (2002) L’apparizione di Warren Zevon nell’Ottobre del 2002, fu un esperienza lancinante, in quanto, all’amico di lunga data dello show, fu diagnosticato con una forma di cancro incurabile. Dave dedicò l’intera ora al cantautore, che durante l’intervista disse la famosa frase che l’esperienza gli insegnò a «godersi ogni sandwich». Dietro richiesta di Dave (che successivamente svelò di aver implorato il musicista per questa esibizione), Zevon concluse la serata con il classico del 1978 Roland The Headless Thompson Gunner e, anche se l’artista sorprese i dottori vivendo per altri 11 mesi, quella fu l’ultima canzone cantata in pubblico.

Paul McCartney – Get Back (2009) Nonostante la quantità di performance leggendarie fatte al teatro Ed Sullivan durante il Late Show, niente batterà mai quel momento del 9 febbraio 1964 quando i Beatles fecero il loro debutto sulla tv americana. Quell’episodio cambiò il mondo per sempre. Quando Paul McCartney ci ritornò nel 2009, disse che non voleva tornare esattamente sullo stesso palco. Quindi, si piazzò sopra l’ingresso del teatro e, ricreando da solo l’ultima performance pubblica dei Beatles del 1969 sul tetto degli Apple Records, mise in piedi uno show completamente gratuito per i fortunati che si trovavano in strada nei pressi del teatro.

Future Islands – Seasons (Waiting On You) (2014) Al giorno d’oggi, le band non hanno un grande riscontro per le performance in televisione com’era invece nel periodo pre-internet; ci sono così tanti modi diversi per poter scoprire la musica adesso. Ma, a volte, una performance in tv è così elettrizzante che diventa anche lei virale, ed è esattamente quello che è successo quando la band synthpop Future Islands finì al Letterman. Il frontman Samuel T. Herring mise così tanta passione ed energia nella sua voce (e nelle sue movenze uniche) che nessuno poté ignorarlo. «Beccatevi questo!» disse Letterman. «Vi ruberò tutto quello che avete. È stato incredibile!» Il mondo fu d’accordo con lui, e con quasi 4 milioni di visualizzazioni su Youtube, la performance risultò come un momento decisivo per la carriera della band.

Darlene Love – Christmas (Baby Please Come Home) (1986-2014) Darlene Love è conosciuta per tante cose diverse. Molti la ricordano come una delle voci principali nello Wall of Sound di Phil Spector, quando cantava He’s a Rebel, Today I Met The Boy I’m Gonna Marry, Wait Til’ My Bobby Gets Home e tantissime altre. Altri, la ricorderanno come moglie di Danny Glover nei quattro film Arma letale. Ma per i fan di Letterman, resterà sempre la meravigliosa cantante che si presentava ogni dicembre con Christmas (Baby Please Come Home). Era una tradizione che accadeva ogni anno dal 1986, fino all’anno scorso, quando ci deliziò con un’ultima interpretazione. Ecco una compilation di lei che canta la canzone nel corso degli anni. Quest’anno, nella stagione natalizia, ci sentiremo più soli del solito senza di lei.