Home Cinema Interviste Cinema

‘Rocketman’, i segreti del fantasy-musical su Elton John

Il film con Taron Egerton è tutto tranne che un normale biopic, ce lo racconta lui stesso insieme al regista Dexter Fletcher (sì, quello di 'Bohemian Rhapsody')

Taron Egerton nei panni di Elton John in 'Rocketman'

Quando il regista Dexter Fletcher ha firmato per fare un film su Elton John, sapeva che un tradizionale docudrama – come Bohemian Rhapsody, per esempio, o Quando l’amore brucia l’anima (Walk the Line) – non avrebbe funzionato. “Elton è fantasia, immaginazione e magia”, dice Fletcher. “Volevamo usare il biopic. Volevamo creare una fantasia magica che racconta la storia della sua vita, o almeno alcune parti”.

Il risultato è Rocketman (presentato a Cannes e in arrivo nelle sale il 29 maggio), che racconta la vita di Elton come un musical con elementi fantastici, come la folla riunita per il carnevale che balla una coreografia sulle note di Saturday Night’s Alright for ­Fighting. E, a differenza di Bohemian Rhapsody, dove Rami Malek fa il lip-synch con le registrazioni di Freddie Mercury, la star di Rocketman Taron Egerton canta. “I musical si esprimono attraverso i brani”, spiega l’attore britannico. “Non arriva nulla, se non canti tu stesso”.



Il film inizia nei primi anni ’90: Elton John entra in rehab per liberarsi della dipendenza da droghe e alcol che gli ha fatto quasi rischiare la vita. “È il nostro narratore e sta raccontando la storia per come la ricorda”, afferma Fletcher. “Ha a che fare con i suoi demoni e cerca di vedere di nuovo la luce attraverso l’oscurità. Questo si presta all’immaginazione e a gesti emozionali. La cosa interessante è che posso raccontare qualcosa che ricordo, ma sarà colorato e arricchito dalla mia percezione di quel momento”.

Quindi, anche se il film tocca tanti aspetti conosciuti della storia di Elton – dal periodo prima di diventare famoso, quando militava nella band Bluesology, fino al primo incontro con il paroliere Bernie Taupin nel 1967, la scrittura del pezzo della svolta Your Song e le battaglie con l’abuso di sostanze – la produzione non ha avuto paura di prendersi alcune libertà per aiutare la narrazione. Ad esempio, quando nel 1970 Elton fa il suo debutto negli Stati Uniti, al Troubadour di L.A., sale sul palco e suona Crocodile Rock, una canzone che avrebbe scritto solo due anni dopo. “Ne ero consapevole”, spiega Fletcher. “Ma quello che mi interessa è catturare il momento dal punto di vista cinematografico e musicale”.

Il cuore del film sta nel rapporto di Elton con Taupin e il suo ex manager e amante John Reid. (Reid, che è anche manager dei Queen dal 1975 al 1978, è un personaggio chiave in Bohemian Rhapsody, dove viene interpretato da un altro attore). Vediamo Taupin che sfida John a dimenticare le trappole della fama per concentrarsi sulla musica. Durante un battibecco in un ristorante, Taupin tira fuori Goodbye Yellow Brick Road per sfogare le sue frustrazioni. “Elton e Bernie sono fratelli e si vogliono davvero bene”, dice Egerton. “Questa è stata una grande opportunità per mettere il loro rapporto al centro della storia”.

Per Fletcher era molto importante usare la voce di Egerton ogni volta che si sente la musica di Elton: “Non usiamo mai registrazioni originali”, spiega. “Se stavo mettendo insieme una sequenza e tiravo fuori qualcosa dal catalogo di Elton, ad esempio Amoreena degli anni ’70, Taron doveva tornare in studio e registrarla. È il caso di brevi tracce dei Bluesology. Ero assolutamente convinto di utilizzare solo la voce di Taron nel film”.

Molto prima di incontrare Elton, sia l’attore che il regista erano suoi fan. Egerton ha fatto un provino per la scuola di recitazione a 17 anni cantando Your Song, Fletcher ha fatto lo stesso quando ha tentato di aggiudicarsi un ruolo in The Rocky Horror Picture Show a poco più di 20 anni. Durante le riprese, entrambi sono diventati amici di Elton, che ha prodotto Rocketman insieme al marito e manager David Furnish. “È stata tutt’altro che una delusione”, dice Egerton. “Dicono che di non incontrare mai i tuoi eroi, ma questo non vale quando si tratta di Elton John”.

Egerton sa che alcuni fan potrebbero essere colti alla sprovvista da scene come quella in cui Elton fluttua sopra il piano mentre canta Crocodile Rock, ma spera che capiranno. “Il film ti chiede di fare uno sforzo immaginativo, come se andassi a teatro”, afferma. “Non è una biografia di Wikipedia”.

Leggi anche