Home Cinema Interviste Cinema

Le magie impossibili Dynamo. E la sua playlist (di un certo prestigio)

L'illusionista inglese, che torna su DMAX dall'8 dicembre, ci ha stupito con due magie delle sue. Ma i suoi gusti musicali vi sorprenderanno ancora di più

«Ah sai cosa mi è piaciuto molto ultimamente? Sonic Highways dei Foo Fighters, pazzesco», mi dice Dynamo, arrivandomi alle spalle. L’intervista si è conclusa poco fa, c’è un altro impegno che lo aspetta ma per lui non è di certo finita qui: «Mi piacciono i Foo Fighters, mi piace Dave Grohl», continua. È uno che dà l’impressione di divertirsi sul palco, osservo. «È la cosa che mi piace di più: vedere che tra me e te che sei sul palco o viceversa non c’è distanza, stiamo godendo della stessa cosa. Sai che una volta ero in un backstage, è entrato Dave Grohl, mi ha visto e ha iniziato a urlare: “Dynamo, tu sei il fottuto demonio! Sei il diavolo!”? Che momenti».

Era iniziato tutto pochi minuti prima, con due giochi di carte di Dynamo (li vedete qui sopra) e una domanda sull’amore del mago inglese per la musica.

Che cosa ascolti?
Ho un gusto abbastanza eclettico, devo dire. Mi piace di tutto, dall’indie all’hip hop, mi piace il nu metal. Al momento sto ascoltando molto un gruppo che si chiama Catfish And The Bottlemen. Sono una band indie, hanno avuto un bell’anno. Il loro album The Balcony è costantemente in rotazione nel mio iTunes. Ultimamente sono un po’ indie: sono andato a sentire i Libertines in Gran Bretagna, anche Jamie T, Catfish And The Bottlemen ovviamente e poi… chi è che ha scritto Easy Money? Ah, Johnny Marr.

Ma chi c’è in cima alla lista?
In cima alla mia playlist di adesso c’è di sicuro Cocoon, dei Catfish And The Bottlemen. È la più ascoltata. Ma poi, devo dire, continuo ad ascoltare i Linkin Park. Questo sempre. Reanimation è un album che posso ascoltare dall’inizio alla fine senza saltare una sola canzone. Non capita quasi mai.

Dynamo cambia la copertina del cd del rapper Tinie Tempah:

Li ascolti quando ti alleni?
Faccio in modo di ascoltare sonorità diverse, per mettermi in stati d’animo diversi. Se vado in palestra ascolto Lil Wayne, Eminem, la loro Drop the World, che è fantastica, è una canzone che ti fa venir voglia di pomparti.

E prima di uno spettacolo?
Anche. Il mio rapper preferito è Ty, ma anche AM degli Arctic Monkeys mi aiuta, è un album incredibile. Si capisce che il mio range è molto vasto, vero? (ride) Ascolto davvero tanta roba.

Anche gli U2, che abbiamo messo sulla nostra copertina?
Ma certo, sono icone, ed essere in cima alle classifiche dopo così tanti anni è un risultato che merita rispetto.

Ogni tanto provo a rappare.
Ma non ti conviene ascoltarmi, ho un accento pessimo.

A cosa ti serve la musica?
La uso per ispirarmi. E poi la ascolto durante i viaggi – viaggio davvero tanto. Ah, ecco un altro che sto ascoltando molto: Hozier. Quando sono in aereo è davvero bello tenere lo sguardo fisso fuori dal finestrino e ascoltare le sue canzoni.

Ha battuto gli U2 in Irlanda, arrivando primo in classifica.
Ah davvero? Vedi? Già questo basta a dirti quanto sia bravo. In lui c’è qualcosa che mi piace anche in certi artisti britannici che stanno facendo grandi cose in America, come Sam Smiths, Ed Sheeran. Sto cambiando i miei ascolti: c’è stato un periodo in cui ascoltavo quasi solo musica americana, ma di recente mi sto spostando, i miei gusti stanno tornando a casa, in Gran Bretagna.

La musica ti dà l’ispirazione, dici. Che cosa vuol dire?
Quando ascolto un pezzo penso sempre a delle magie che potrei fare su quella canzone. La musica è un pensiero che mi resta sempre lì, sullo sfondo.

Fammi un esempio.
Pensa a quando ho camminato sul Tamigi, nella mia prima serie tv, una magia considerata impossibile. Mentre mettevo un passo dietro l’altro, nella mia immaginazione continuavo a sentire una canzone dei Linkin Park, Krwlng. La melodia principale, quando inizia, parte come se cadesse, come una goccia che cade. Ecco, è quel punto che avevo in mente quando ho messo la punta del piede sull’acqua per fare il primo passo.

Dynamo cammina sul Tamigi:

Ti tiene concentrato.
Esatto. E poi abbiamo usato quella canzone anche nel video dello show, perciò quella canzone non è più solo nella mia mente, ma è anche parte dello show.

Non è un accessorio.
Non può che essere così, ci dev’essere una parte musicale nella mia visione. Ma quante canzoni vuoi per la tua playlist?

(si alza e prende il cellulare)

Occhio, così ci sveli i tuoi segreti.
Sì, e come ti dicevo… guarda qui, l’album dei Catfish And The Bottlemen in pausa, come vedi. Ho già detto che Cocoon è la mia canzone preferita?

Il video di “Cocoon” dei Catfish And The Bottlemen:

Vedo anche Calvin Harris qui.
Certo. Ah, aspetta, una cosa ancora sui Catfish And The Bottlemen: in realtà Cocoon mi piace, ma è la canzone più nota. La mia preferita in assoluto è Sidewinder.

Che cosa ti piace di “Sidewinder”?
Mmm, è difficile da spiegare, ma insomma… la sensazione che ti dà quando la ascolti. Mi piace guidare ascoltando questo pezzo.

Perché procede costante?
Sì, perché è progressiva, tira dritto. Dimenticavo: ero con Mika oggi. Mi ha dato l’ispirazione per sentire uno dei suoi pezzi. Mi piace un sacco quella sua canzone, Relax, Take It Easy, è azzeccata, se devi rilassarti un attimo quello è il pezzo perfetto.

Il video di “Relax, Take It Easy” di Mika:

Sta facendo il giudice in un talent show qui.
Ah sì, me l’ha detto. Fammi vedere qui tra i brani più ascoltati… conosci Sia? Che bello il video di Chandelier, davvero incredibile. Quella canzone è quasi un inno per me. La ascolto al mattino, quando mi sveglio, mi fa venire una gran voglia di alzarmi e attaccare la giornata. Poi c’è un rapper americano, Watsky, un ragazzino. È il rapper più veloce che ci sia al mondo.

Più di Eminem e Kendrick Lamar?
Decisamente. Ci sono dei suoi video su YouTube in cui va a una velocità demenziale. Mi piace il fatto che però puoi distinguere la pronuncia di ogni singola parola che dice, in modo così chiaro. C’è una sua canzone che mi piace molto, Whoa Whoa Whoa. Voglio inserirla nella mia serie in tv ma non ho ancora trovato un posto giusto per infilarcela.

Dynamo cammina sui muri:

Provi a rappare?
Devo ammette che il mio accento non è il più adatto, quindi…

Però ci provi.
Sì, lo ammetto, ci provo.

Non molli.
Tutto è possibile! (grida)

Quindi, Dynamo può fare tutto ma non sa rappare.
Non ho detto che non so rappare, ho detto che non ti conviene sentirmi quando lo faccio. (ride) Ah, non ho detto che mi piace molto Matisyahu, ebreo, fa reggae. È di New York, fa quel tipo di musica che vuoi sentire dal vivo.

Una volta sono venuto in Italia da Londra, in macchina con gli amici, per un festival reggae.

Ti piace andare ai concerti?
Vado a molti concerti, nel mio tempo libero.

L’ultimo che hai visto?
Jamie T a Londra, lo scorso weekend.

Vai ai festival?
Sì, sono andato a Glastonbury, al V Festival, mi manca il Coachella ma ci andrò un giorno o l’altro. Una volta sono venuta a un festival reggae in Italia. Come si chiamava..

Il Rototom Sunsplash?
Ecco! Io e i miei amici ci siamo andati in macchina da Londra, qualche anno fa. Ci abbiamo messo quattro giorni per arrivarci. È stato fantastico. Nel mio primo dvd di sempre c’è qualche scena ripresa a quel festival.

Quindi credevi davvero nel reggae.
Sì, i periodi passano ma io continuo ad ascoltare la musica di cui mi sono innamorato, quindi ancora ascolto hip hop, nu metal, reggae. Hai sentito Ben Howard?

Sì.
Lui è abbastanza magico. Mi vedo a fare delle magie sulla sua musica, perché crea una bella atmosfera.

Cioè?
Il suono, la produzione, è fatta in modo che ti arrivi quella sensazione che c’è qualcosa che sta per succedere. Non è duro, la sua voce scivola come uno strumento.

È ipnotica.
Sì, è molto magica.

Ascolta le canzoni che Dynamo ha scelto per Rolling Stone

Leggi anche