Home Cinema Interviste Cinema

Danny Boyle: «Trainspotting 2 colpisce più del primo»

Il regista di uno dei ritorni cinematografici più attesi dell'anno ci ha anticipato qualcosa del film in uscita il 23 febbraio, dalla nuova colonna sonora a quale dei suoi 4 moschettieri è il suo preferito

«Il sequel colpisce molto di più e quindi spero che chi ha amato il primo film riesca a sentire il tempo trascorso tra il primo e il secondo Trainspotting anche nella propria vita» ci ha raccontato il regista quando lo abbiamo incontrato a Roma. È stata una conversazione animata dal confronto, ma era inevitabile, il sequel di uno dei film culto per la generazione degli anni Novanta esce il 23 febbraio, a vent’anni da Traispotting.

Il discorso vale anche per la colonna sonora, memorabile nel primo e carica di aspettative per il secondo e nuovo capitolo. C’è musica nuova, come i Fat White Family intervistati su Rolling Stone di febbraio, e il ritorno degli Underworld in chiave riarrangiata: «Quello della musica è stato il problema più grosso. Quanto del primo film potevamo riutilizzare, sia visivamente con dei flashback, sia musicalmente, per rievocare l’atmosfera originale? Perché la musica influenza la gente, lascia un segno profondo. Quindi abbiamo deciso che se dovevamo utilizzare quei pezzi dovevamo riadattarli».

Il nuovo film di Danny Boyle è in uscita il 23 febbraio, ma se sognate una serata come questa seguite gli hashtag #ChooseToilet e #TrainspottingDue su Instagram, abbiamo messo in palio una proiezione esclusiva anche per i nostri lettori. L’obiettivo è quello di portare al cinema il vincitore del contest (il regolamento completo e le foto di tutti gli altri canditati sono qui) con tutti i suoi amici. Per partecipare è sufficiente postare su Instagram una foto ispirata al film di Danny Boyle, ma lo scatto deve essere rigorosamente ambientato in bagno.

Leggi anche