Home Cinema Anteprime Cinema

‘Non succede, ma se succede…’, la clip della commedia con Seth Rogen e Charlize Theron

Lei Segretario di Stato americano, lui giornalista scapestrato: è nata una nuova strana coppia comica

In quale mondo parallelo Charlize Theron se la farebbe con Seth Rogen? Non succede, ma se succede… ruota attorno a questa divertente quanto romantica incompatibilità e dà una risposta comicamente assurda e molto tenera a questa domanda. Charlotte Field (Theron) era la babysitter – nonché prima cotta – di Fred Flarsky (Rogen). Ora lei è l’autorevole ed efficientissimo Segretario di Stato americano, mentre lui è diventato un giornalista bravo ma dallo spirito libero e con una spiccata propensione a cacciarsi nei guai. Non si vedono da anni, ma quando il presidente USA interpretato da Bob Odenkirk decide di tornare al suo vecchio mestiere di attore e lancia la campagna elettorale della sua collaboratrice, Charlotte capisce di aver bisogno di qualcuno che le scriva i discorsi. E quel qualcuno ovviamente è Fred.

Il premio Oscar Charlize Theron, celebre per i suoi ruoli drammatici e d’azione, è un personaggio opposto a quello di Rogen tanto quanto lo è Charlotte: “È una donna dei nostri tempi che lavora un in ambiente ostico, destreggiandosi tra lavoro, ideali e vita personale”, spiega l’attrice. “Penso che sia per questo che alla fine il pubblico tifa tanto per Fred e Charlotte perché niente è facile per loro e sono costretti a prendere decisioni davvero dure riguardo la loro vita sentimentale che vanno oltre il chiedersi: ‘Che dici ci sballiamo, stasera?’”.

Seth Rogen è conosciuto per le sue interpretazioni di falliti esilaranti e bonaccioni, Non succede, ma se succede… lo ha catapultato in un registro nuovo. Un personaggio autoironico che deve trovare qualcosa in cui credere, nonostante le sue evidenti manie, affinché possa essere degno di una donna che sta per cambiare il mondo. “Per una persona come Fred Flarsky uscire con Charlotte Field è quasi come uscire con una principessa”, commenta Rogen. “In America i politici sono la versione dei reali. Si tratta quindi di una storia che fa leva sulla realizzazione di una sorta di grande sogno dell’immaginario collettivo e che allo stesso tempo è realista, irriverente ed esilarante”.

Sebbene il film rifletta il mondo politico attuale, polemico, spietato, guidato da celebrità e estremamente mediatizzato, Jonathan Levine sottolinea che non si tratta di una commedia politica. “Per noi il mondo della politica era un’ambientazione divertente e attuale”, afferma. “La storia d’amore tra Charlotte e Fred è sempre stata la priorità. Ma avendo ideato una storia in giro per il mondo e con personaggi legati al potere politico ci è sembrata l’opportunità di girare una commedia un po’ diversa. Abbiamo davvero voluto farne un film divertentissimo ma anche commovente, che parla di sentimenti che chiunque può riconoscere”.

Non succede, ma se succede… arriva al cinema il 10 ottobre, distribuito da 01 distribution.

Leggi anche