«Troppo vecchia per interpretare la Sirenetta», ma scambiano Halle Barry per Halle Bailey | Rolling Stone Italia
Home Cinema & TV News

«Troppo vecchia per interpretare la Sirenetta», ma scambiano Halle Barry per Halle Bailey

Dopo giorni di polemichette social relative alla scelta della Disney di affidare il ruolo di Ariel a un'attrice nera, sono iniziate anche le crisi di identità

Halle Barry e Hally Bailey

Foto: Steve Granitz/Getty Images (1), Corey Nickols/Getty Images for IMDb (2)

Uno dei più classici scambi di persona ha catapultato Halle Barry al centro delle polemiche.

L’attrice americana è infatti stata attaccata su Twitter dopo che era stato annunciato chi avrebbe interpretato La Sirenetta nel film della Disney, ovvero la cantante Halle Bailey, 21anni. L’assonanza fra i due nomi però ha ingannato molti. Tanto che, dopo qualche ora di invettive, la stessa Halle Barry ha scritto in risposta a uno dei tanti tweet che la criticavano: «Hai sbagliato Halle, comunque anche io non vedo l’ora di vedere il film».

La risposta è stata notata anche dalla Bailey che ha risposto con profonda ammirazione: «La tua approvazione significa molto per me».

Ma come mai tanti utenti se la sono presa con Halle Barry? Perché, in buona sostanza, sostenevano che sarebbe stata troppo matura (ha 56anni) per interpretare il famoso personaggio di Ariel, la Sirenetta, nel remake live-action di prossima uscita. Una gigantesca gaffe, probabilmente innescata da un primo utente e poi seguita a valanga da migliaia di altri.

Peraltro, il “Barry–gate” arriva dopo giorni di tam tam social relativi alla scelta della Disney di affidare il ruolo di Ariel a un’attrice nera (anche se la House of Mouse aveva anticipato le proprie intenzioni almeno dal 2019, ma dettagli): secondo alcuni utenti, la decisione della compagnia non sarebbe rispettosa nei confronti del personaggio e dei fan che sono legati a un’immagine ben precisa della protagonista; per altri, la polemica non ha senso di esistere, dato che la Sirenetta è un personaggio di fantasia e, quindi, ha davvero poco senso interrogarsi sui suoi caratteri etnici. Nella pellicola, inoltre, la Bailey – che è già presente nel trailer – ha confermato che interpreterà brani musicali originali del film d’animazione del 1989, ma anche nuovi pezzi sempre del compositore Alan Menken (che aveva vinto due Oscar con le musiche del cartoon dedicato ad Ariel, miglior colonna sonora e miglior canzone con In fondo al mar) e di Lin Manuel Miranda, artista in grande ascesa nel settore dei musical. In più, il cast può contare anche su Awkwafina e Jacob Tremblay, che diventeranno Scuttle il gabbiano e il pesce Flounder, mentre la regia è stata affidata a Rob Marshall, già regista de Il ritorno di Mary Poppins.