Skin si trasforma in oracolo per Ulisse

La frontwoman degli Skunk Anansie torna sullo schermo per la rivisitazione moderna del classico di Omero, con lei anche Danny Glover e l'attore culto di Lars von Trier.

Dopo l’esperienza a X Factor Skin torna sullo schermo, ma questa volta al cinema per Ulysses: A dark Odyssey, rivisitazione moderna del classico di Omero, in cui la frontwoman degli Skunk Anansie interpreta il ruolo di il ruolo di un ​ammaliante​ oracolo.

Il film è interpretato dall’attore torinese Andrea Zirio​, mentre nel cast spiccano lo statunitense Danny Glover, ​ indimenticabile partner di Mel Gibson nella saga Arma letale, e il tedesco Udo Kier, attore di culto che ha lavorato con registi cult come R.W. Fassbinder, Gus van Sant, Werner Herzog, Dario Argento e Lars von Trier.

Nella distopica Taurus City, corrotta dal dominio del potente Michael Ocean (Danny Glover), un militare soprannominato Ulysses (Andrea Zirio) rientra dal fronte, segnato nel corpo e nell’anima dalla guerra. Dopo sette anni è riuscito a tornare a casa, dove scopre che sua moglie Penelope (Anamaria Marinca) è scomparsa. Grazie all’aiuto di Niko (Drew Kenney), fedele compagno d’armi, intraprende la sua personale Odissea alla ricerca della donna. I due incontreranno figure inquietanti e surreali: il kebabbaro Pòpov (Stewart Arnold), il “dio dei venti” Aeo (Giovanni Mancaruso), l’enigmatica e bellissima transessuale Hermes (Mario Acampa), l’affascinante maitresse Cici (Sigal Diamant), The Seer (Skin), l’oracolo che aiuterà Ulysses a ricordare il suo passato, la seducente Kaly (Charlotte Kirk) e il tormentato Alcyde (Udo Kier) che aiuterà il protagonista a raggiungere la sua meta. Ognuno di questi personaggi restituirà a Ulysses, nel bene e nel male, un pezzo della sua storia.