Ralph Fiennes continua la sua crociata da paladino di J.K. Rowling | Rolling Stone Italia
Home Cinema & TV News

Ralph Fiennes continua la sua crociata da paladino di J.K. Rowling

Il Lord Voldemort della saga cinematografica ha dichiarato che gli incessanti insulti e minacce di morte in rete nei confronti della creatrice di 'Harry Potter' sono 'orribili' e 'spaventosi'

Ralph Fiennes nei panni di Voldemort

Foto: Warner Bros.


Per difendere J.K. Rowling si era già scomodato lo scorso anno nientemeno che il Lord Voldemort della saga cinematografica. E Ralph Fiennes ha deciso di dire ancora la sua, dichiarando che gli incessanti insulti e minacce di morte in rete nei confronti della creatrice di Harry Potter sono «orribili» e «spaventosi».

«J.K. Rowling ha scritto questi grandi libri sull’empowerment, sulla ricerca di se stessi e la crescita dei bambini», ha detto Fiennes al New York Times durante una lunga intervista per promuovere il suo ultimo film, The Menu. «Parliamo di come diventare esseri umani migliori, più forti e più equilibrati. L’abuso verbale diretto contro di lei è orribile, spaventoso».

E ancora: «Posso capire il punto di vista di chi si arrabbia per quello che dice sulle donne», ha continuato. «Ma non è certo una volgare fascista di über-destra. È solo una donna che dice: “Sono una donna e mi sento una donna e voglio poter dire che sono una donna”. E capisco da dove viene questo discorso. Anche se io non sono una donna».

La Rowling è stata oggetto di numerose minacce di morte e insulti dopo aver parlato di argomenti tra cui i diritti di donne e transgender e la libertà di parola. Lo scorso novembre ha twittato: “A questo punto ricevuto così tante minacce di morte che potrei tappezzarci la casa, eppure non ho smesso di parlare”. L’anno scorso, la polizia scozzese ha aperto le indagini dopo che alcuni attivisti transgender hanno pubblicato su Twitter foto con in mano cartelli fuori dalla casa della famiglia della Rowling in cui il suo indirizzo era chiaramente visibile. Ma non ci sono state accuse o denunce.

La polizia è stata nuovamente coinvolta all’inizio di quest’anno dopo che la Rowling ha twittato a sostegno dell’autore di The Satanic Verses Salman Rushdie in seguito al suo tentato omicidio, a cui un utente anonimo di Twitter ha risposto: “Non preoccuparti, sarai la prossima”.

Nell’intervista con l’editorialista del New York Times Maureen Dowd, Fiennes ha anche detto la sua sulla cancel culture: «La rabbia giusta ha perfettamente senso, ma spesso diventa un po’ stupida perché non riesce a farsi strada attraverso le zone grigie. Non ha sfumature».

L’attore ha anche rivelato di non essere stato particolarmente entusiasta quando gli è stata offerta per la prima volta la parte del Mago Oscuro in Harry Potter. «All’inizio ero un po’ sprezzante, credo», ha raccontato. «Ho pensato, “è uroba fantasy per bambini”. Non sono sicuro che sia una buona idea».