‘La forma dell’acqua’, è arrivato il sex toy ispirato alla creatura acquatica

Guillermo del Toro, divertito, dice che non è una rappresentazione accurata, mentre l'attore che interpreta il mostro, Doug Jones, ci è rimasto male.

Dopo quelli modellati sul chestburster che esce dalla pancia di John Hurt in Alien, sui Pokemon o su Lungo Artiglio, la spada di Jon Snow in Game of Thrones, è arrivato anche il dildo ispirato all’uomo-pesce protagonista de La forma dell’acqua, il nuovo film di Guillermo del Toro.

La love story fantastica tra un’inserviente muta e Il mostro della laguna nera, che è tutto tranne che platonica, non sta facendo parlare di sé solo per i numerosi premi già vinti e per le 13 nomination all’Oscar, ma anche per il sex toy che immagina come sarebbe il pene della creatura acquatica e che, indovinate un po’, è già sold out. Inquietante? Molto. Divertente? Pure.

Non ditelo a Guillermo del Toro, che ha passato molto tempo a immaginare come sarebbe stata la creatura anfibia del suo film: ha pensato a come si sarebbe mossa, a che suoni avrebbe emesso. E sì, pure a “quello”, più o meno. “Non è esplicito nel film, ma i pesci, soprattutto quando sono in grandi banchi cambiano sesso se necessario” ha spiegato “Volevo solo avere un’idea in mente, non ho fatto schizzi sul quaderno o sulle pareti del bagno”.

Il regista ha visto il sex toy ed è una delle cose più curiose di questa campagna per gli Oscar: “Sono sicuro che Dunkirk non abbia lo stesso problema” ha scherzato del Toro, ma non prima di dire la sua sul dildo: “Non penso che sia una rappresentazione accurata. È una forma di fan art, credo”.

Doug Jones, l’attore che dà vita al mostro nella pellicola, invece è decisamente meno divertito dalla trovata: “Mi fa sorridere ma posso dire che non è esattamente il tipo di attenzione che speravo di ricevere. In passato ci sono state delle bellissime action figure dei miei personaggi, tutte fatte con ottimo gusto”. Jones infatti è stato Silver Surfer nella pellicola con i Fantastici 4 e il Fauno ne Il Labirinto del Fauno.

L’interprete afferma che, dopo aver trascorso ore al make up per trasformarsi nell’uomo-pesce, spera che la gente non ricorderà la sua performance solo per il sex toy che ha ispirato: “Dopo aver dato cuore, anima, sangue, sudore e lacrime per questo ruolo magico, romantico e splendido, l’ultima cosa per cui vorrei essere ricordato è un accessorio di silicone in due misure”.

Che, per la cronaca, si chiama “Gioiello dell’Amazzonia”, è al 100 percento di silicone colorato di blu, verde e nero proprio come il mostro nel film e costa dai 50 ai 70 dollari, a seconda della taglia. E se state cercando di immaginarvelo, ecco una foto:

Immagine: XENOCATARTIFACTS

Immagine: XENOCATARTIFACTS

Leggi anche: