Il sound degli anni di piombo al Torino Film Festival | Rolling Stone Italia
News

Il sound degli anni di piombo al Torino Film Festival

'PIOMBO' è un disco che rende omaggio alle più importanti musiche tratte dai film polizieschi italiani. E alcune di queste fanno parte del cortometraggio 'Il caso è chiuso, andate in pace', prodotto da CAM Sugar insieme al Centro Sperimentale di Cinematografia.

Foto: dall'immagine di cover di 'PIOMBO'

Come i grandi compositori italiani hanno immaginato con le loro colonne sonore il sound degli anni di piombo, forgiando un immaginario collettivo che tuttora è riconosciuto e apprezzato nel mondo, da registi di culto come Quentin Tarantino a leggende dell’hip hop come Madlib e Cassidy.

Lo racconta PIOMBO – The sound of Italian film music during the Years of Lead (1973-1981) (disponibile in fisico e digitale dal 18/11) attraverso 26 tracce (28 nella versione Collector’s Edition inclusiva di 45 giri e poster esclusivo), di cui nove inediti e otto per la prima volta in vinile, rende do omaggio alle più importanti musiche tratte dai film polizieschi italiani.

Se il suono cardine è quello di un jazz-funk di stampo urban, abbondantemente impiegato per le scene d’azione e d’inseguimento, funziona enormemente bene anche il prog-rock acidissimo dei fratelli De Angelis o la disco music tutta funk e sintetizzatori di Stelvio Cipriani, fino ad arrivare all’elettronica malinconica e disperata di alcuni b-movie estremi che raccontano la cupio dissolvi di fine decennio (Mafia, una legge che non perdona o Il braccio violento della mala) facendo della povertà di budget un punto di forza creativo.

Alcune delle musiche contenute nell’album fanno parte del cortometraggio Il caso è chiuso, andate in pace di Simone Marino e starring Maurizio Lombardi e Federico Pacifici, che è stato presentato al Torino Film Festival nella sezione Back To Life, prodotto dal Centro Sperimentale di Cinematografia in collaborazione con CAM Sugar, che ha concesso le musiche come colonna sonora.

Si tratta di un vero e proprio omaggio al poliziottesco, in cui Lombardi un ispettore devoto al suo lavoro e molto religioso che ha come idolo Maurizio Merli, tanto da vestirsi e pettinarsi come lui. Ecco il trailer: