I film da vedere a giugno 2022 | Rolling Stone Italia
Home Cinema & TV

I film da vedere a giugno 2022

L’attesissimo ‘Elvis’ di Baz Luhrmann in arrivo da Cannes, il nuovo ‘Jurassic World’, l’avventura in solitaria di Buzz Lightyear e dive ‘doc’ come Jane Birkin e J.Lo

Austin Butler è ‘Elvis’ nel biopic firmato Baz Luhrmann

Foto: Warner Bros.

Marcel! di Jasmine Trinca – al cinema dal 1° giugno

Esordio alla regia di una delle attrici più apprezzate e premiate del nostro cinema. Jasmine Trinca ha portato tra le proiezioni speciali dell’ultimo Cannes, dov’era invitata come giurata, questa favola fuori dal tempo su un’artista di strada stralunata (Alba Rohrwacher), la figlia incompresa (la brava débutante Mayaane Conti) e il cagnolino di casa: il Marcel del titolo, che ruba la scena (e il cuore di mamma). Una falsa autobiografia dal tocco sensibile, con un grande cast: ci sono anche Giovanna Ralli, Umberto Orsini, Valeria Golino, Valentina Cervi e un cameo instant cult di Paola Cortellesi.

Jurassic World – Il dominio di Colin Trevorrow – al cinema dal 2 giugno

Ritorno a Jurassic World, ma anche a… Jurassic Park. In un crossover “presso sé stesso”, la saga inaugurata da Spielberg (qui produttore esecutivo) e ripartita con gloria nel XXI secolo mette insieme i protagonisti attuali (Chris Pratt e Bryce Dallas Howard in testa) con quelli storici (Laura Dern, Jeff Goldblum, Sam Neill), che si stupiscono di quanto i dinosauri siano diventati “ancora più grandi”. Dopo il mezzo pasticcio Jurassic World – Il regno distrutto diretto da J.A. Bayona, alla regia torna il Colin Trevorrow del primo Jurassic World. Sulla carta non si vuole sbagliare: e gli incassi di sicuro dimostreranno che hanno avuto ragione.

Hustle di Jeremiah Zagar – 8 giugno (Netflix)

Dopo il capolavoro Diamanti grezzi dei Safdie Bros. e in attesa del sequel della giallo-comedy Murder Mystery, Adam Sandler torna su Netflix con la storia di un talent scout del basket che, scoperto in Spagna un giocatore eccezionale ma dal passato turbolento, fa di tutto per portarlo negli States. I due dovranno dimostrare di essere all’altezza dell’NBA. Nel cast anche la vera star della pallacanestro LeBron James, oltre a Ben Foster, Queen Latifah e il veterano Robert Duvall.

Esterno notte – Parte II di Marco Bellocchio – al cinema dal 9 giugno

Seconda parte (cioè le ultime tre puntate) dell’opera monumentale con cui Marco Bellocchio ripercorre il sequestro Moro, riprendendo il suo Buongiorno, notte uscito al cinema quasi vent’anni fa. Una serie? Un film? Non è importante classificarlo: è lo sguardo ancora giovanissimo e lucidissimo di un maestro del cinema italiano, capace di essere al contempo fedele alla Storia e inventivo come solo lui sa fare, tra psicanalisi e impennate onirico-cristologiche. Fenomenale Fabrizio Gifuni nei panni del presidente della DC rapito, con al suo fianco Margherita Buy (la moglie Eleonora), Toni Servillo (Papa Paolo VI), Fausto Russo Alesi (Cossiga) e tanti altri.

I tuttofare di Neus Ballús – al cinema dal 9 giugno

Rivelazione all’ultimo Festival di Locarno, da cui è tornato con il doppio premio per la performance dei suoi due protagonisti, il film della spagnola Neus Ballús inquadra perfettamente il mondo del lavoro e dell’integrazione di oggi. Mettendo al centro l’incontro/scontro tra Moha (Mohamed Mellali), immigrato marocchino che inizia a lavorare in una piccola azienda idraulica, e Valero (Valero Escolar), il capo-idraulico che non lo vede di buon occhio anche per via delle sue origini. Sapete già come andrà a finire: ma nulla è scontato, c’è anzi grande intelligenza e umanità nel raccontare il presente.

Halftime di Amanda Micheli – 14 giugno (Netflix)

Nel mezzo del cammin di sua vita, J.Lo riflette su vita, carriera, amore. Dagli inizi “from the block” alla nomination all’Oscar mancata per Le ragazze di Wall Street, fino al ritorno di fiamma con Ben Affleck (tra gli intervistati d’eccezione). Ma il titolo non è solo metaforico-simbolico: al centro del racconto c’è anche la preparazione dell’Halftime Show del Super Bowl che, nell’anno in cui la popstar latina ha compiuto cinquant’anni, ha rappresentato un vero momento di consacrazione globale. Let’s get loud!

Lightyear – La vera storia di Buzz di Angus MacLane – al cinema dal 15 giugno

Avventura in solitaria per l’amatissima spalla del cowboy Woody nella saga Disney-Pixar Toy Story. Uno spin-off che è anche la origin story dell’astronauta Buzz Lightyear, l’eroe al quale l’omonimo giocattolo era ispirato. L’intento è quello di farci conoscere il leggendario Space Ranger che ha conquistato intere generazioni di ammiratori. Tra i doppiatori della versione italiana anche i due piloti della scuderia Ferrari Charles Leclerc e Carlos Sainz.

Jane by Charlotte di Charlotte Gainsbourg – al cinema dal 16 giugno

Altra attrice che esordisce come regista è Charlotte Gainsbourg. Con un documentario che è un ritratto parimenti (auto)biografico: quello di mamma Jane Birkin, ma anche il suo. Un film in progress che mette insieme musica, cinema, confessioni, segreti di famiglia, momenti intimi e mai raccontati prima. In un dialogo “a specchio” con cui l’aut(t)rice fa i conti con una storia personale che è anche un pezzo di storia culturale (e iconica) del secolo scorso. Non solo per cultori.

Cha Cha Real Smooth di Cooper Raiff – 17 giugno (Apple TV+)

Fresco di laurea e senza un obiettivo chiaro per il futuro, il 22enne Andrew (Cooper Raiff, anche regista e sceneggiatore) è bloccato a casa della sua famiglia nel New Jersey. Ma sul suo curriculum inesistente spicca una qualità: è un vero esperto nel far decollare una festa, cosa che gli procura il lavoro perfetto come ballerino motivazionale ai bar e bat mitzvah dei compagni di classe del fratello minore. Quando fa amicizia con una mamma del posto, Domino (Dakota Johnson), scopre finalmente il futuro che desidera. Una dramedy USA in piena regola: produce e distribuisce Apple, nel cast anche la mattatrice Leslie Mann.

Spiderhead di Joseph Kosinski – 17 giugno (Netflix)

A meno di un mese dall’uscita nelle sale di Top Gun: Maverick, un altro action firmato Joseph Kosinski. Che stavolta arriva direttamente su Netflix, piattaforma su cui il protagonista Chris Hemsworth ha già spopolato con Tyler Rake. Il film racconta la parabola di due detenuti (Miles Teller, anche lui nel nuovo Top Gun, e Jurnee Smollett) che devono sottostare agli esperimenti dello scienziato a capo della struttura che li ospita. Ovvero il qui cattivissimo Hemsworth, che somministra farmaci in grado di alterare la mente dei prigionieri. Ma i risultati non sono sempre quelli sperati…

Elvis di Baz Luhrmann – al cinema dal 22 giugno

In arrivo da Cannes anche il biopic-monstre diretto da Baz Luhrmann e dedicato al king del rock. Un impressionante Austin Butler (Oscar 2023 in vista?) dà volto e mosse all’icona di Memphis, in un affresco che va da quando era bambino al successo planetario. E il cui filo rosso è la complessa e sfaccettata relazione con il manager, il “Colonnello” Tom Parker (Tom Hanks). Solita confezione extra-lusso, e colonna sonora piena di stelle attuali (compresi i nostri Måneskin). Gli eredi hanno apprezzato assai.

Il talento di Mr. C di Tom Gormican – al cinema dal 23 giugno

Nicolas Cage ormai non è più solo un attore: è quasi un’installazione che, con furbizia e autoironia, gioca con la propria immagine e accetta di prendersi in giro come pochissimi altri a Hollywood. In The Unbearable Weight of Massive Talent, questo il titolo originale, Nicolas Cage interpreta… Nick Cage. Un vero/falso sé stesso costretto ad accettare un’offerta da un milione di dollari: in cambio, deve partecipare alla festa di compleanno di un pericoloso superfan. Un’operazione alla Essere John Malkovich già diventata in patria un piccolo cult.

BlackPhone di Scott Derrickson – al cinema dal 23 giugno

Dal regista di Sinister e del primo Doctor Strange, un horror perfetto per la stagione estiva. Un ragazzino di 13 anni di nome Finney (Mason Thames) viene rapito da un sadico assassino (Ethan Hawke) che lo rinchiude in un seminterrato insonorizzato, dove urlare non serve a niente. Quando un telefono disconnesso inizia a squillare sul muro, Finney scopre di poter sentire le voci delle precedenti vittime dell’assassino. Decise a fare in modo che ciò che è successo a loro non accada alla nuova preda…