Home Black Camera Ultima edizione

Giacomo Mancini è il vincitore della open call Nuove Prospettive

Il progetto del fotografo marchigiano a sostegno del Policlinico di Milano è stato selezionato da Denis Curti

© Giacomo Mancini

34 progetti ricevuti, centiaia di immagini e donazioni per la raccolta fondi a sostegno del Policlinico di Milano. Questi sono i numeri di Nuove Prospettive, la open call organizzata da Rolling Stone – Black Camera appena terminata. Un ringraziamento sincero va a ciascuno dei partecipanti: con la vostra generosità avete contribuito a fronteggiare un’emergenza sanitaria senza precedenti e avete aggiunto la vostra testimonianza per raccontare questo momento storico. La raccolta fondi a sostegno del Policlinico di Milano ha raggiunto la quota di quasi 8 milioni di €; una cifra davvero incredibile, anche grazie alle donazioni dei fotografi che hanno partecipato alla open call.

© Giacomo Mancini

Tra i progetti inviati, è stato selezionato da Denis Curti quello di Giacomo Mancini, giovane fotografo marchigiano con alle spalle un percorso di studi all’Accademia delle Belle Arti di Macerata.

© Giacomo Mancini

Il suo progetto, realizzato appositamente per la open call, è stato selezionato da Denis Curti e così commentato: « Il lavoro di Mancini è un viaggio surreale all’interno dei sentimenti e delle contraddizioni di un periodo complesso. Le sue immagini sincere sono capaci di nutrire quell’infinito bisogno ricordi. Fotografie che riaffiorano al momento giusto, senza mai essere nostalgiche o malinconiche. Finalmente, la memoria assume quella fisicità necessaria per esercitare azioni di confronto. Un lavoro coerente e omogeneo nei toni, nelle luci, nei colori, nelle inquadrature, nel ritmo. Da queste immagini emerge una voce narrante molto precisa, che riesce a cogliere perfettamente il punto di vista».

© Giacomo Mancini

Chi è Giacomo Mancini
Nato a Macerata nel 1989, ha studiato graphic design all’Accademia delle Belle Arti della sua città natale: è durante il periodo formativo che si appassiona alla fotografia e al cinema. Nel 2017 si laurea a pieni voti in fotografia con l’esposizione di un reportage fotografico, intitolato Sulla via di Damasco, un lavoro di più di un anno, sulla situazione sociale del quartiere Lido Tre Archi. Attualmente lavora come freelance nel mondo della fotografia e della grafica.

Leggi anche