Vulnerabilità e potere nelle foto di Guillaume Simoneau | Rolling Stone Italia