Home Black Camera Talents

Tornare leggeri con le fotografie di Gisele Duprez

Gli scatti dell'artista statunitense fanno riaffiorare la spontaneità dei bambini negli adulti, e ci ricordano che non dobbiamo mai dimenticare di ascoltare il nostro fanciullo interiore

A Day at the Beach © Gisele Duprez

Il ventunesimo secolo potrebbe essere definito come quello del “sono sempre di corsa”. L’avvento della tecnologia ha costretto le persone a dei ritmi incalzanti: siamo sempre raggiungibili, contattabili, con i tempi calcolati al millesimo e perennemente sotto pressione. Qualche settimana fa, improvvisamente, tutto si è fermato. Il tempo si è dilatato ed è calato il silenzio totale. Un cambiamento drastico che sta mettendo a dura prova ognuno di noi. In questo periodo all’insegna dell’hashtag #iorestoacasa, le fotografie di Gisele Duprez, street photographer di New York, non potrebbero essere più azzeccate. Nel progetto A Day at the Beach, i suoi scatti fanno rivivere il bambino che è dentro ognuno di noi e ci ricordano di farlo giocare.

A Day at the Beach © Gisele Duprez

Gisele Duprez riesce a trasmetterci serenità e spensieratezza, attraverso degli scatti ricchi di colori che si accendono nel racconto della pura e instancabile creatività nel momento del gioco disinvolto, dei sorrisi spontanei e dei comportamenti naturali.

A Day at the Beach © Gisele Duprez

Due bambine si schizzano con l’acqua mentre un altro, tutto impettito, è pronto ad attraversare il mare nuotando con i suoi braccioli gialli. Seduto sul bagnasciuga, un uomo ride giocando con una conchiglia appena raccolta. Due donne con il niqab sono sedute sulla comoda riva bagnata, sporcandosi di sabbia ovunque; riusciamo a distinguere solo i loro occhi, ma riusciamo a coglierne un’espressione di felicità. La differenza d’età sparisce negli scatti della Duprez, le regole del “buon costume” saltano, a emergere sono solo leggerezza e gioia.

A Day at the Beach © Gisele Duprez

In questo momento di grande difficoltà, queste fotografie ci ricordano quanto sia importante non dimenticare mai il bambino che è in noi e che, soprattutto ora, può essere un valido alleato. I bambini, dietro la loro innocenza, nascondono una grande forza: lasciamo che si riprendano un po’ di spazio.